Dalle colonne della Gazzetta dello Sport parla Marcos Alonso. Il centrocampista del Chelsea ha parlato soprattutto della sua ex-squadra, la Fiorentina, e delle cessioni illustri che i Viola stanno facendo durante questa sessione di mercato.

Alonso ha militato nella squadra toscana dal 2013 al 2016, con in mezzo un prestito al Sunderland, diventando uno dei punti fermi della squadra di Paulo Sousa e uno dei giocatori più ricercati la scorsa estate. Lo spagnolo, però, è rimasto molto legato alla Fiorentina: “Mi sembra che dalla Fiotentina se ne stiano andando via tutti. Non so di chi sia la colpa di tutto questo, ma alla Fiorentina auguro il meglio: lì sono stato bene e ho buoni ricordi. Della città, dei compagni, di tutti.”

Impossibile non chiedergli un parere su Federico Bernardeschi e sul suo discusso passaggio alla Juventus: “Un bel talento, ha fatto un grande Europeo Under 21 e potrà essere presto importante anche per la nazionale maggiore. Quando ha firmato il rinnovo aveva affermato che non sarebbe mai andato alla Juventus, ma nel calcio non si può mai dire mai. Era già successo con Neto, ma sicuramente il trasferimento di Bernardeschi ha fatto più rumore. Non so come verrà accolto al suo ritorno a Firenze. Adesso però vestirà una maglia molto importante e potrà vincere titoli: dire no ai Bianconeri è quasi impossibile. “

Un altro big che ha lasciato la squadra dei Della Valle è il suo connazionale Borja Valero, che ha fatto le valige per approdare sulla sponda nerazzurra del Naviglio: “Lui può dare molto all’Inter, quando è arrivato si è adattato subito al calcio italiano. È un leader naturale, sarà sicuramente utile per far girare la squadra di Spalletti.”

Ma, da idolo dei tifosi, cosa avrebbe fatto Marcos Alonso al posto di Bernaredeschi? “Cosa avrei fatto io? Scelta difficile. Anche Bernardeschi al tempo aveva detto così però poi dipende dal momento, vede la possibilità di vincere qualcosa e sta a lui decidere cosa fare. Io sono molto contento di avere scelto il Chelsea, speriamo di fare un’altra grande stagione.”

A proposito del Chelsea, Alonso ci spiega come è cambiato il suo ruolo in campo e come è il suo rapporto con Antonio Conte: “Ora che gioco più avanzato riesco anche a segnare più gol. Conte un bel martello? Con lui devi sempre lavorare al 100% e i risultati si vedono in campo. Anche se in allenamento soffri un po’, ne vale la pena perché poi vinci.”

 

Infine, un commento sull’ultima uscita estiva dei Blues, che sono usciti sconfitti 3-2 dal Bayern Monaco durante l’ultima sfida di International Champions Cup: “Alti e bassi tipici del calcio d’estate. Abbiamo giocato male nel primo tempo, non riuscivamo a fare due passaggi di fila e contro certe squadre non puoi permettertelo. A partire dalla sfida di sabato contro l’Inter, dobbiamo rifarci e migliorare in fretta per arrivare pronti all’inizio del campionato.”

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI