Ospite del giornalista e amico Pierluigi Pardo alla sua trasmissione Tiki Taka – Fate il vostro gioco, Antonio Cassano, 35anni e svincolato, ha rilasciato molte dichiarazioni, affrontando diverse tematiche che vanno dal ritiro di Gianluigi Buffon a l suo futuro.

Per quanto riguarda Gianluigi Buffon e il suo possibile ritiro: “Con lui ho un rapporto speciale. Secondo me Gigi prima era convinto di smettere, ora ha mille dubbi in testa. Non è ancora arrivato il suo momento, può ancora fare la differenza, ama il calcio ed è giusto che continui, come insegna Roger FedererGià dall’anno scorso, con il ritiro di Totti, guardo il 40% di partite in meno, se mi togliete anche Buffon mi do all’ippica.

Po, un commento sulla lotta Scudetto, che vede il Napoli in vantaggio rispetto alla Juventus: “Il Napoli gioca bene ma ha una rosa corta, la Juve ha più qualità ed è più forte. Gli azzurri se la giocheranno fino alla fine, ma ho l’impressione che alla fine si ripeterà lo stesso film degli ultimi sei anni. All’inizio del campionato avevo detto che avrebbe vinto l’Inter e ho portato male: speriamo che arrivi in Champions. A me piacciono molto gli allenatori come Allegri  che lasciano spazio all’inventiva e che dopo la trequarti lasciano fare le giocate agli attaccanti. Sarri invece fa un gioco in cui tutti sanno cosa fare, fa tre ore di tattica al giorno ed è molto dura. Il Napoli ha degli ottimi giocatori ma non dei campioni.

Sul VAR, che ha creato tante polemiche nell’ultima giornata di campionato: “Non mi piace, è una pagliacciata. Io lo toglierei, non si può più esultare e ogni decisione fa perdere troppo tempo. Lasciamo sbagliare gli arbitri, non c’è problema, l’importante è che si facciano le cose in buona fede. Gli arbitri sbagliano, chi è bravo continua e chi è scarso cambierà lavoro.”

Sul suo futuro: “Vorrei un’ultima sfida, vorrei qualcuno che si fidi di me e mi dia un’ultima occasione senza paura delle ‘Cassanate’. Ma l’occasione la vorrei scegliere io, non voglio andare in Cina o in Brasile, vorrei restare vicino a casa in Italia. Vorrei un allenatore che si fidi al 100% di me e una società che creda in me, con gran divertimento, io non gioco per i soldi. Un ritorno a Bari? Sarei troppo lontano dai miei figli e da mia moglie.”

Sul suo passato e i suoi rimpianti: “Rimpianti? Zero, sono felice così. Mi pento solo dell’errore con Garrone. Ho perso tanto nella vita e mi sono bruciato da solo. Ho messo in disparte le cazzate che facevo e ora sono felice così.”

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI