Diversi sono i giocatori di proprietà dell’Inter che la società nerazzurra ha girato in prestito, sia in Serie A che in altri campionati.

Uno di questi è George Puscas, attaccante romeno classe 1996. Dallo scorso gennaio, il giovane calciatore è passato al Novara, dopo la prima parte di stagione disputata tra le fila del Benevento, con cui l’anno scorso aveva conquistato la storica promozione nel massimo campionato, risultando peraltro decisivo durante i play-off, con 3 gol in 5 gare.

Prima di lasciare la Campania ha comunque fatto a tempo a siglare la sua prima marcatura in Serie A, nell’ormai celeberrimo 2-2 allo stadio “Vigorito” contro il Milan dello scorso 3 dicembre. Prima del definitivo pareggio di Brignoli, Puscas aveva realizzato il momentaneo 1-1.  Tuttavia, il suo impiego – prima con Baroni e poi con De Zerbi – in giallorosso era stato piuttosto scarso, con tante panchine e solo sei gare da titolare.

Così, due mesi fa ecco il suo passaggio al Novara, squadra di Serie B. In Piemonte il giocatore è letteralmente esploso: al momento conta infatti l’ottimo bottino di 7 marcature in 8 gare. L’ultima di queste risale proprio a oggi pomeriggio, in occasione della partita casalinga contro il Palermo, terminata 2-2.

In particolare, degni di nota sono la tripletta rifilata al Cittadella, con tanto di pallone portato a casa, e il gol decisivo realizzato al Brescia cinque giorni fa.

La posizione in classifica della squadra di Domenico Di Carlo resta comunque difficile, in quanto gli azzurri sono quindicesimi a quota 35 punti, a soli 2 dalla zona play-out. Per la salvezza ci sarà dunque da lottare e soffrire fino alla fine.

Ma con questo Puscas il Novara può ben sperare. Considerando la valenza dei suoi gol ai fini del risultato finale, ben 8 sono le lunghezze che il centravanti – che in Serie B ha vestito anche la maglia del Bari nella stagione 2015/2016, collezionando 18 presenze e 5 reti –  ha regalato alla squadra.

Raffaele Campo (@CampoRaffaele)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI