La crisi economica globale dovuta al Covid con Suning alla ricerca di un socio non permetterà all’Inter un mercato scoppiettante per dare l’assalto allo scudetto.
L’ad interista Beppe Marotta aveva dichiarato prima di Inter Crotone: “Non ci sarà la possibilità di fare investimenti, dobbiamo garantire un equilibrio economico finanziario. Tutte le società non faranno operazioni rilevanti”.
Il diktat societario è molto semplice: nessuna operazione se prima non si vende. Tutto dipenderà dalle capacità di Marotta e del ds Piero Ausilio nel saper vendere bene gli esuberi per poi investire il tesoretto guadagnato in giocatori funzionali chiesti da mister Conte.
Dopo la cessione in prestito di Nainggolan, i primissimi nomi sul taccuino delle partenze dei due dirigenti nerazzurri sono quelli di Pinamonti e di Eriksen.

AAA cercasi acquirenti per Eriksen

L’avventura di Eriksen a Milano è stata fallimentare e, dopo nemmeno un anno dal suo approdo, l’ex Tottenham è pronto a dire addio all’Inter.
Occorre trovare un compratore per sbloccare il mercato e la squadra più interessata sembrerebbe essere il PSG. Il neo tecnico dei parigini Mauricio Pochettino non ha smentito la stima e l’apprezzamento per il suo ex pupillo ai tempi londinesi e, secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, i francesi sarebbero disposti ad assicurarsi le prestazioni del centrocampista danese.
Le due società potrebbero intavolare uno scambio che vedrebbe il ritorno in Italia dell’ex Roma Leandro Paredes, molto più adatto ai dettami voluti da Antonio Conte.