ranocchia (1)

L’amichevole odierna contro il PSG, nella quale dovrebbe essere affiancato al centro della difesa dall’adattato D’Ambrosio (i sudamericani sono rientrati da poco, e verranno tenuti a riposo), potrebbe rappresentare l’ultima apparizione di Andrea Ranocchia con la maglia dell’Inter, e chiudere definitivamente la sua esperienza nerazzurra: il difensore ed ex capitano interista, infatti, non rientra più nei piani di Mancini, che l’ha tenuto ai margini della rosa nelle ultime gare, ed il suo addio a gennaio è ormai quasi certo.

Nei giorni scorsi vi avevamo parlato dell’interesse del Bologna per l’ex Genoa e Bari, ma la pista si è momentaneamente raffreddata per la titubanza del centrale che, pur avendo la certezza di un posto da titolare nelle fila felsinee (fondamentale per rientrare nelle scelte di Conte per Euro2016), non sembra particolarmente convinto della destinazione: una titubanza che ha così riaperto la strada ad altre pretendenti, ed ora spunta con forza il nome del Norwich, che sarebbe disposto ad investire i 10 milioni chiesti dall’Inter per la cessione definitiva, e consentirebbe a Ranocchia di cimentarsi con l’affascinante Premier League.

Anche in questo caso, però, va registrata una certa freddezza del giocatore verso la destinazione, spiegabile con la situazione di classifica dei Canaries, attualmente situati nel pieno della lotta per non retrocedere (15a piazza e +3 sul Newcastle), ma anche con la voglia di non lasciare l’Italia e, nella fattispecie, Milano: non è un mistero, infatti, il desiderio di Ranocchia di aspettare un’offerta del Milan (noi stessi vi avevamo anticipato quest’ipotesi), che lo seguiva già nel mercato estivo e potrebbe rifarsi sotto in caso di cessione di Mexes (sempre nel mirino della Fiorentina), un desiderio che però si scontra con la reticenza dell’Inter verso il trasferimento in rossonero, a meno di un’offerta pari a quei 10 milioni citati poc’anzi.

L’addio di Ranocchia, però, è ormai inevitabile, e dunque chissà che l’Inter non torni a più miti consigli, ed avalli il suo approdo al Milan, qualora i rossoneri decidessero di fare sul serio e sferrare l’assalto decisivo…