Potrebbe diventare una di quelle storie da raccontare. Han Kwang Song è stato il primo nordcoreano a debuttare in Serie A, il primo nordcoreano a segnare in Serie A (alla seconda presenza assoluta), e in questa stagione ha raggiunto primati minori in Serie B, tra i quali una tripletta all’esordio nel campionato di Serie B.

Han è un attaccante, prima o seconda punta (fisicamente più seconda punta) sembra avere tutto per affermarsi ad alti livelli: visione di gioco, velocità, tecnica, dribbling e fiuto del gol. Il suo repertorio sembra avere svariate opzioni tra cui anche il gol in acrobazia e una certa abilità nello smarcarsi che gli permette di segnare anche col colpo di testa.

Arrivato in Italia nel 2015, al Centro Federale di Perugia, era stato bloccato dalla Fiorentina. La rivoluzione societaria della squadra toscana ha modificato le scelte e la Viola ha rinunciato all’allora opzione di ingaggio. Poi gli interessamenti delle big inglese, tra cui Liverpool e Manchester City e dell’Ajax, società sempre attenta ai talenti anche più esotici.

A gennaio 2017 il Cagliari se lo assicura. Succede tutto in sei mesi il Torneo di Viareggio, la Serie A, i gol. E ora dopo i primi 6 mesi sull’altalena del Perugia, la Juventus, che lo segue già da tempo, se lo vuole assicurare.

La trattativa è entrata nel vivo, la Juventus ha messo gli occhi sul nordcoreano per averne il controllo, mantenerne una visione attenta nel corso delle prossime stagioni e poter delinearne la crescita di carriera. Tra i giovani rossoblu su cui i bianconeri hanno messo gli occhi (Barella e Biancu gli altri due) Han sembra il più vicino. Si tratta su una base di valutazione che si aggira attorno ai 20 milioni, all’interno dei quali la Juventus ha intenzione di inserire alcune contropartite, come il portiere (attualmente al Venezia) Emil Audero, il centravanti (già ex Cagliari) Alberto Cerri e uno dei leader della primavera di Mister Dal Canto, il centrocampista Fabrizio Caligara.

La Juventus sembra davvero decisa a chiudere a breve questa operazione con la possibilità di lasciare il nordcoreano ancora al Cagliari o altrove per trovare maggiore spazio. L’operazione potrebbe favorita anche dagli ottimi rapporti tra la dirigenza bianconera e quella rossoblu, l’amicizia tra Paratici e il DS del Cagliari Giovanni Rossi, ex dirigente bianconero e l’affare Romagna chiuso questa estate, col centrale ex Juventus che sta mettendo in mostra grandi doti con la maglia della compagine sarda, sono testimonianze di quanto i rapporti siano ben consolidati tra le due società.

Han è pronto a vestirsi di bianconero. La Juve è pronta ad accogliere il primo nordcoreano della sua storia.

 

Stefano Utzeri (utzi_26)