Clamoroso Genoa: Lasse Schöne lasciato fuori dalla lista per la Serie A. Decisione presa dal ds Daniele Faggiano

Da top a flop: arriva al capolinea l’avventura di Schöne in maglia Genoa

Caos Grifone: dopo un anno in maglia rossoblù termina l’esperienza di Lasse Schöne a Genova, escluso dalla lista dei 25 consegnata alla Lega Serie A. Doppia beffa per il centrocampista danese, visto che in lista compaiono anche i nomi di Parigini Brlek, giocatori messi inizialmente sul mercato ma che alla fine sono rimasti a Genova.
Arrivato come principale acquisto del mercato dello scorso anno, l’ex Ajax non è riuscito ad adattarsi completamente alla nuova realtà: i 3 goal e 2 assist in 30 presenze non sono bastati a convincere il nuovo ds Faggiano a farlo rimanere un altro anno nel capoluogo ligure.

Le parole del ds

Faggiano è stato chiaro: “Si tratta di una decisione dolorosa ma necessaria. Abbiamo voluto dare un segnale preciso. Dal punto di vista tecnico un mese fa avevamo deciso di puntare su Badelj e lo avevamo comunicato a Schone. Sono state fatte altre scelte, questa esclusione ne è una conseguenza“.
In questa vicenda non si può non considerare l’impatto che la pandemia ha avuto sul mercato genoano per quanto riguarda le cessioni: “Brlek aveva diverse offerte, aveva accettato di andare via ma alla fine la trattativa con il Lech Poznan è saltata a causa del Covid” ha dichiarato il direttore sportivo.

La parole del procuratore

Non ci sta Revien Kanhai, procuratore del centrocampista, che al quotidiano danese Voetbalnieuws non risparmia parole al veleno contro il direttore sportivo Faggiano: “Ha acquistato alcuni calciatori che giocano nella stessa posizione e ha spiegato che per Schone sarebbe stato difficile trovare spazio. Nell’ultima settimana abbiamo parlato coi direttori, spiegando che sarebbe rimasto e avrebbe lottato per un posto in squadra. Loro hanno concordato, ma poi abbiamo scoperto che Lasse non sarebbe stato in lista per la Serie A”.
Inaccettabile dunque la situazione: “È uno scandalo che non ci abbiano informato della sua assenza dalla lista prima della fine del mercato – ha aggiunto – avremmo risolto il contratto e scelto un nuovo club, c’erano più possibilità. È terribile il modo in cui il club si è comportato con lui. Ha giocato 34 gare l’ultima stagione, ha avuto tre allenatori ed è riuscito a evitare la retrocessione della squadra”.
Il rapporto con il nuovo allenatore Maran sembrava essere buono viste le parole dello stesso procuratore: “L’allenatore ha spiegato che per lui Lasse è titolare, ma il nuovo direttore sportivo la pensa diversamente.

Situazione complicata in casa Genoa

La grana Schöne va ad aggravare una situazione già molto delicata causa pandemia COVID-19, con il Genoa divenuto ormai un focolaio. I nuovi tamponi eseguiti hanno riconfermato la situazione degli scorsi giorni: sono ancora 17 i positivi al virus e i tempi di rientro rimangono ancora indefiniti. Tra questi compare anche Schöne.