Dopo aver concluso positivamente la trattativa con il Tolosa per l’acquisto del portiere classe 1999 Alban Lafont, la Fiorentina è già al lavoro per regalare a Stefano Pioli nuovi rinforzi, uno a centrocampo e l’altro in attacco.

Si tratta di Mario Pasalic e Marko Pjaca, vecchie conoscenze della Serie A, in cui hanno esordito rispettivamente con le maglie di Milan e Juventus.

Entrambi croati, entrambi classe 1995, entrambi in grado di vantare un potenziale nascosto e inespresso durante le poche apparizioni nel campionato italiano.

Pasalic è reduce da una buona stagione disputata con la maglia dello Spartak Mosca, condita da 32 apparizioni stagionali complessive e 5 reti messe a segno. Il suo trasferimento a Firenze pare essere imminente, grazie all’accordo trovato dai viola con il Chelsea e con il suo procuratore, Fali Ramadani, sulla base di un’offerta di prestito con diritto di riscatto.

Formula simile a quella che gli uomini di mercato gigliati stanno pensando di proporre alla Juventus per arrivare a Marko Pjaca, che ha trascorso gli ultimi sei mesi in Bundesliga, allo Schalke 04, ma ancora di proprietà dei bianconeri, che però sono intenzionati ad inserire un diritto di recompra nell’affare. Su di lui c’è anche l’interesse dei turchi del Fenerbahce, intenzionati a prenderlo in prestito secco.

Sebbene la Fiorentina sembri essere in vantaggio, il futuro di Pjaca verrà deciso dopo la fine del mondiale o nei giorni successivi ad una eventuale eliminazione della nazionale croata dalla competizione.

In attesa della fine della coppa del mondo in Russia, dunque, Pantaleo Corvino comincia a pensare anche a quella che sarà la parte difficile del mercato viola, ossia la cessione dei molti esuberi presenti in rosa. L’obiettivo è piazzarli nei giorni immediatamente successivi all’inizio del ritiro estivo, anticipato a domani presso il centro sportivo “Davide Astori” di Firenze e che proseguirà, come sempre, a Moena a partire da sabato 7 luglio.

Giuseppe Lopinto