Wikipedia

Wikipedia

Mille euro e tanti dubbi: si può riassumere così la situazione di Mario Gomez, attualmente impegnato nell’Europeo francese con la Germania guidata da Joachim Löw, e reduce da due panchine consecutive, complice la scelta di Jogi di puntare sul falso nueve di stampo guardiolista e su Mario Götze.

Ma la Nazionale, al momento, sembra essere l’ultimo dei problemi per l’attaccante ex Bayern Monaco, rinato nell’esperienza in prestito al Besiktas, nella quale ha segnato 26 reti che hanno trascinato i bianconeri allo scudetto e, soprattutto, hanno rilanciato il giocatore di origini iberiche a livello internazionale: in ballo, infatti, c’è il futuro di un attaccante che aveva deluso ampiamente nelle fila della Fiorentina, e rischia di tornare in viola dopo il 30 giugno.

Qual è la situazione di Gomez? Il contratto di prestito al Besiktas era semplice e beffardo per il club dei Della Valle: 3,5 milioni di prestito oneroso con diritto di riscatto a mille euro, una cifra ridicola anche solo a pensarci, che aveva fatto esultare con parecchio anticipo i dirigenti turchi dopo le ottime prestazioni dell’attaccante della Mannschaft (”Gomez ci costerà come una lavatrice”, le parole del presidente delle aquile nere), ed aveva sorpreso tutti.

Il riscatto di Gomez, quindi, sembrava scontato, ma gli ultimi giorni sembrano smentire questo scenario: stando alle ultime indiscrezioni, infatti, il Besiktas sarebbe sì intenzionato a trattenere Gomez, ma i bianconeri devono fare i conti con la volontà del giocatore che, in virtù di una clausola contrattuale, è diventata ancor più decisiva. Senza l’ok della punta, infatti, il riscatto non potrà essere esercitato, ed i dubbi nella testa di Gomez sono parecchi, visto che la stagione turca ha riacceso i riflettori su di lui: il tedesco è seguito da svariati club della Bundesliga, Wolfsburg e Schalke 04 (che deve rimpiazzare Huntelaar, ritorno all’Ajax per lui, che sostituirà il partente Milik) su tutti, e nelle ultime ore ci sarebbe stato anche un clamoroso sondaggio del PSG.

Ecco perchè dunque il Besiktas non ha ancora esercitato un riscatto che definire economico è dir poco (anche se, in caso di futura cessione dopo l’acquisto, le aquile nere dovrebbero il 40% alla Viola), coi turchi che sembrano destinati a perdere il loro trascinatore: i turchi, infuriati per il silenzio di Gomez, hanno sondato i nomi di Dzeko e Pellè per rimpiazzare il tedesco, con la pista-Balotelli che è stata prima infuocata dalle dichiarazioni di Raiola al portale locale Sporx, e poi spenta dallo stesso agente, che ha negato di aver mai rilasciato quell’intervista.

E Gomez? A questo punto, a meno di clamorosi ripensamenti, tutto sembra portare al rientro dell’attaccante alla Fiorentina, per poi essere ceduto al miglior offerente: difficilmente la richiesta supererà i 7-8 milioni, vista l’età del giocatore ed il totale distacco dalla realtà viola, e quindi il centravanti della Germania è destinato a diventare uno dei pezzi pregiati del prossimo mercato…

(di Marco Corradi)