Il mistero di Paul Pogba

Pochi giorni fa ha compiuto 26 anni, ma Paul Pogba sembra essere un altro. Con il Manchester United sta trovando poco spazio e, ultimamente, Mourinho preferisce schierare Fellaini a centrocampo. Costato la bellezza di 105 milioni (bonus, commissioni tutto compreso), il francese non sta rendendo come i tifosi si aspettavano.

In Premier League è sceso in campo per 19 volte (su 30 partite disputate) segnando 3 gol e fornendo 9 assist ai compagni. 5 apparizioni in Champions (su 8 partite disputate dal Manchester ) dove non ha trovato la rete, soltanto un assist. 1 apparizione in Fa Cup e EFL Cup, entrambe a secco di gol.

Da qualche partita, lo special one lo sta lasciando in panchina. Ieri, lo United ha giocato la partita di FA cup e Pogba ha seguito i compagni in panchina per tutti i 90 minuti. L’ultimo match in cui l’ex Juventus è sceso in campo da titolare è del 5 marzo contro il Crystal Palace. Ma a Manchester hanno capito che fra il francese e il tecnico portoghese non corre buon sangue.

Forse, ad aver capito ciò, è stato anche Mino Raiola, procuratore del giocatore. Dall’Inghilterra arrivano voci secondo le quali, il noto agente starebbe cercando una sistemazione futura per il suo assistito. Il valore di 90 mln che si porta sulle spalle, però, non è cifra che tutti possono permettersi, soprattutto vedendo il rendimento e le prestazione delle ultime partite. Anche quando viene schierato titolare, o a partita in corso, Pogba non rende come da previsioni. Il centrocampista era arrivato a Manchester per fare il salto di qualità, ma forse, ripensandoci bene, l’unica ad averci guadagnato (tra i due club) è stata la Juventus.

Il mister di Paul Pogba proseguirà anche durante il resto della stagione?

Marco Pirola (@marcopirola_)