Francesc Fabregas Soler, noto anche come Cesc, è indubbiamente uno dei migliori giocatori del terzo millennio. Centrocampista, trequartista o falso nueve, ovunque sia andato ha lasciato un bellissimo ricordo, incantando i suoi tifosi con gol, assist e pregevoli giocate.

Quando si legge o si sente “Fabregas” vengono in mente immediatamente 3 cose: il numero 4, gli assist e l’indiscussa leadership. Partiamo dal colpo d’occhio che lo contraddistingue: il numero 4, quello che, nella numerazione “romantica” da 1 a 11, apparteneva al “mediano di interdizione”. Tutto si potrà dire di Fabregas, tranne che sia un medianaccio che fa legna davanti alla difesa. Ha preso (quasi per caso) un numero e ne ha cambiato il significato: 4, adesso (soprattutto dalle parti di Londra e Barcellona) è sinonimo di tecnica, assist e fantasia. Ah, guarda caso il suo compleanno è il 4 maggio: un destino forse segnato?

Secondo aspetto legato a Fabregas: ancora più dei gol sono sicuramente gli assist vincenti serviti ai compagni. Con quel piede destro, quella visione e quel lieve ghigno che gli solca il viso, Cesc dispensa assist a destra e a manca. Manda in porta chiunque, da Barcellona a Londra a Johannesburg. Già, quel lontano Sudafrica che forse rappresenta la tappa fondamentale della maturazione di Fabregas.

Terzo ma fondamentale aspetto: la leadership. Nel 2008, dopo il primo lustro con la maglia dell’Arsenal, viene eletto capitano dei Gunners: a neanche 21 anni, quindi, Cesc diventa il leader della squadra di Wenger. Non è da tutti, a quella giovane età, avere il carattere e il mordente giusto per diventare capitano e simbolo di una delle squadre più prestigiose squadre d’Inghilterra. Fabregas, però, è spesso anche “capitano senza fascia”: pur non alzando mai la voce, si fa sempre rispettare, guida i compagni più giovani e rappresenta una certezza in campo. Quando gioca, i suoi compagni sono il ritratto della tranquillità. “Sono in difficoltà? Palla a Cesc, tanto qualcosa inventa“. Ed è così.

Gabriele Amerio (@gabrieleamerio)

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI