Radamel Falcao

Radamel Falcao sta vivendo una stagione diversa da quella che si aspettava: di fatto, il centravanti colombiano è l’unico faro di un Monaco che ha rischiato seriamente di retrocedere, e si è risollevato dopo il ritorno di Leonardo Jardim, salendo al 16° posto e andando a +6 sulla terzultima classificata. Falcao ha segnato quattro gol nelle ultime cinque partite, 12 reti totali in Ligue 1 sui 29 complessivi del Monaco: nonostante una stagione positiva a livello personale, El Tigre ha però iniziato a pensare alla sua vita post-calcio. E, contrariamente al 99% dei colleghi, vorrebbe cambiare totalmente.

In un’intervista rilasciata quest’oggi, Radamel Falcao ha sganciato quella che potrebbe essere un’autentica bomba: ”Dopo che mi sarò ritirato dal calcio, vorrei fare come Michael Jordan. Mi piacerebbe diventare un giocatore di baseball professionista”. Una dichiarazione effettuata in totale sincerità, e senza intenti ironici: l’ex centravanti di Atletico Madrid e Man Utd pensa a cambiare completamente sport, e imitare MJ. Jordan si ritirò dal basket lasciando i suoi Chicago Bulls, e realizzò il sogno del padre giocando a baseball nelle fila dei Chicago White Sox e dei Birmingham Barons, la loro formazione nelle Minors: lo fece nel 1994 e nel 1995, senza grandi risultati. Il 18 marzo 1995, però, ecco il grande ritorno al basket e la nuova avventura coi Chicago Bulls. Radamel Falcao vorrebbe imitarlo giocando a baseball, sfruttando un movimento colombiano in netto calo: la nazionale del suo paese, che vinse il Mondiale nel 1947 e nel 1965, ha ottenuto scarsissimi risultati nelle seguenti rassegne iridate, mentre nel World Baseball Classic 2017 è arrivata 11a con tre vittorie e 17 ko in 20 match. Per Radamel Falcao, dunque, potrebbe essere facile entrare nel baseball colombiano e provare a costruirsi una nuova carriera. Sempre che da qui al momento del ritiro non cambi idea. Falcao, però, non sarebbe il primo calciatore a cambiare sport: ecco le storie più interessanti.

BARTHEZ, TIM WIESE E NON SOLO: I CALCIATORI CHE HANNO CAMBIATO SPORT

Recentemente Usain Bolt ha tentato di costruirsi una carriera nel calcio, coi provini con Stromsgodset e Central Coast Mariners, ma i calciatori che hanno cambiato sport e sono passati ad altre discipline sono tantissimi e hanno le storie più variegate. La più interessante è quella di Tim Wiese: il portiere tedesco e leggenda del Werder, dopo il ritiro dal calcio, diventò un bodybuilder e poi avviò una carriera nel wrestling, facendo anche una sporadica apparizione nella WWE. Apparizione infruttuosa, è vero, ma che ha ispirato tanti calciatori che sono diventati a loro volta bodybuilders: vita da ”fisicati” per Pinto (ex secondo portiere del Barcellona), José Mari e Van der Meyde: quest’ultimo è anche diventato un apprezzato e chiacchierato youtuber, parlando di bodybuilding e di auto. Carriera mancata nel pugilato, invece, per Rio Ferdinand: l’ex colonna del Manchester United e dell’Inghilterra aveva iniziato ad allenarsi per diventare pugile professionista, ma la federazione britannica gli ha negato in extremis la licenza. Vita da combattente anche per Bixente Lizarazu, diventato un esperto di jujitsu: ha vinto anche un titolo europeo. Vita totalmente differente, invece, per Fabien Barthez: il portiere della Francia campione del mondo e d’Europa, dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, è diventato un pilota professionista, arrivando a disputare con buoni risultati la 24 ore di Le Mans nella classe LMP2. Lev Yashin, invece, è stato portiere nell’anima, finchè non si è ritirato a vita privata: dopo l’addio al calcio, è stato portiere della nazionale di hockey dell’URSS, vivendo uno sport completamente differente. Nuova vita anche per Bruce Arena, ex calciatore della nazionale USA, di cui è stato più volte ct: nel 1974 passò al lacrosse, diventando campione del mondo con gli Stati Uniti. Breve esperienza da tennista, invece, per il nostro Paolo Maldini: a memoria, è l’unico calciatore italiano ad aver cambiato sport, seppur svariati anni dopo il ritiro. Radamel Falcao non è solo dunque, e vedremo se avvierà davvero questa nuova carriera.

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.