Il salto dalla Lega Pro e la ricerca della salvezza. Per molte squadre, non per la Spal. Una realtà incredibile. Uno stadio sempre pieno e pronto a sostenere l’undici di mister Semplici. Solo sei sconfitte da settembre ad oggi per una squadra che sembra non risentire del salto di categoria. Seconda posizione che profuma di Serie A. Un clima unico a Ferrara come racconta Manuel Lazzari, esterno della Spal classe 1993, in esclusiva per Agentianonimi.com.
Lazzari, uno dei migliori giocatori del campionato ma guai a farglielo notare.. “sicuramente mi fa piacere ma prima viene il gruppo”. Una squadra giovane che in questa stagione sta costruendo qualcosa di grande lottando per un obiettivo importante. Un salto, quello dalla Lega Pro alla Serie B, che però si è fatto sentire confessa Manuel: “la Serie B è un campionato totalmente diverso in cui i ritmi e l’intensità sono altissimi. Ad inizio stagione è stato difficile”, dice. Ostacoli superati e squadra che lotta adesso per una promozione in Serie A che manca da quarantanove anni. Un ruolo importante per Lazzari, che nel corso dei tre anni alla Spal è migliorato molto anche a sua detta, “la cosa che più è cambiata è la consapevolezza nei miei mezzi. Adesso so cosa devo fare per migliorare”! Determinazione. Un ragazzo che sa dove vuole arrivare. Testa sulle spalle e via di corsa, proprio come in campo. Già, la corsa. La specialità della casa. Uomo assist più che goleador, com’è giusto che sia per un esterno. Già cinque quest’anno i passaggi vincenti per i compagni che fanno di Manuel uno dei giocatori più amati dal tifo caldo. Lui, solita umiltà, sorride e ringrazia. “Questa è sicuramente una cosa che fa piacere. Da quando sono arrivato ho sempre dato tutto per la maglia e continuerò a farlo per cercare di regalare più gioie possibili a questi fantastici tifosi”. Un rapporto quasi indissolubile quello fra la squadra di mister Semplici ed il pubblico. Un vero e proprio dodicesimo uomo in campo nelle gare casalinghe per una Spal che vuole continuare a stupire. La Serie A in fondo, non è poi così lontana. Ancora una corsa Manuel, ancora un allungo. Proprio come sai fare tu, per continuare a far sognare una città intera!

Matteo Migliore