Ieri pomeriggio a Fano la sua Nazionale Poste Italiane ha debuttato contro la Nazionale Cantanti, vincendo 7-3 un match benefico, il cui incasso andrà  ripartito per l’80 per cento alla associazione Tma che si occupa della riabilitazione degli autistici tramite la terapia multisistemica in acqua e per il 20 per centro alla fanese Banca del Gratuito che gestisce, tra l’altro, Casa Nazareth per le famiglie in difficoltà e la spiaggia dei Talenti per i disabili.

Ai microfoni di Agentianonimi.com ha parlato il tecnico della neonata Nazionale delle Poste, l’ex-centrocampista di Juventus e Fiorentina, Angelo Di Livio, che ringraziamo per la sua grande disponibilità.

Innanzitutto, come è nato questo progetto?

“E’ stata un’iniziativa delle Poste Italiane, in particolare dei responsabili Giuseppe Lasco [Responsabile Corporate Affaris] e Matteo Del Fante [AD e direttore generale, ndr]. Hanno preso questa iniziativa per coinvolgere un po’ anche i dipendenti delle Poste. La passione credo che poi porti a creare un movimento così bello.”

Come è stato coinvolto?

“Io sono stato contattato e mi è stato chiesto se avessi avuto intenzione di guidare questa squadra. E’ nato tutto un po’ così. Abbiamo fatto iscrizioni, provini, selezioni ed è venuta fuori una rosa di 30 giocatori.”

Per lei sarà un lavoro a lungo termine?

“Assolutamente sì, spero di restare qui a lungo. E’ un progetto partito da poco, ma mi sembra di poter riuscire a gestirlo nel modo migliore possibile. Poi, partecipare ad eventi di beneficenza per me è sempre una cosa gratificante.”

Ha partecipato direttamente alle selezioni o si è affidato a qualcun altro?

“Ho partecipato direttamente alle selezioni con un mio collaboratore, sin dal principio. Come regola abbiamo chiesto calciatori dipendenti delle Poste, ovviamente, e sotto i 35 anni, anche perché ci sono talmente tante iscrizioni [oltre 700 ndr], e non avremmo avuto tempo di guardare tutti. Il tutto si è svolto a Roma, allo Stadio Tre Fontane.”

 Quali sono i progetti futuri della sua Nazionale?

“Inizialmente lo scopo adesso è quello di andare a partecipare a partite di beneficenza. Ieri abbiamo esordito in una bellissima manifestazione a Fano contro la Nazionale Cantanti. C’è stato anche un bell’incasso da come mi hanno detto [circa 19.000 Euro, ndr], quindi,  è stato tutto molto bello ed emozionante. Credo che verso maggio parteciperemo ad un triangolare a Belluno, sempre a scopo di beneficenza.”

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI