IL C.T DELL’UNGHERIA, MARCO ROSSI, SI RACCONTA AD AGENTIANONIMI.COM

La redazione di Agentianonimi.com ha contattato Marco Rossi, C.T. dell’Ungheria. L’allenatore si trova molto bene sulla panchina ungherese ed i risultati piano piano stanno arrivando. Rossi elogia le qualità dei suoi ragazzi e spiega cosa lo lega così fortemente all’Ungheria.

Come sta andando l’esperienza da C.T dell’Ungheria? 
“Sono molto contento di quello che , nel giro di un anno , siamo riusciti a costruire a livello di gruppo, ambiente e mentalità.”

Si aspettava di ottenere sin da subito risultati così importanti?
“Per ora per la verità, sono stati buoni, ma per il momento, fine a se stessi. Nel senso che non ci hanno portati ne alla qualificazione in Nations, ne per il momento, a quella in EC.

Cosa rappresenta per lei l’Ungheria?
“L’ho detto in tempi non sospetti, quando lasciai l’Honved ad inizio Maggio 2014. L’Ungheria ha per me un valore affettivo , dovuto alla mia adolescenza. Per me è oggi come la mia terra, è la mia seconda patria. Se non arriva il risultato soffro proprio come i nostri tifosi. Aggiungo che senza l’Ungheria oggi farei, probabilmente, il commercialista.”

Szoboszlai (giovane talento accostato alla Juve) : quali sono le sue migliori qualità?
“E’ un ragazzo di talento. Ha solo 18 anni e quindi deve ancora migliore parecchio. La sua miglior qualità è quella che contraddistingue i campioni: la personalità.

Quanto è importante in Nazionale la leadership del veterano Dzsudzsak?
“La leadership dei giocatori più importanti diventa determinante, soprattutto nei momenti di difficoltà. Ci sono anche SzalaiOrbanGulàsci che sono giocatori di esperienza e di carisma.”

 

La redazione di Agentianonimi.com ringrazia Marco Rossi per la disponibilità

Marco Pirola ( @marcopirola_ )