Un’attesa estenuante, un’ansia durata oltre 6 mesi per i tifosi bianconeri, che però, questa volta a differenza di qualche altra, ha ripagato le aspettative alla grande. Emre Can è da oggi a tutti gli effetti un calciatore della Juventus.

Giunto in mattinata a Caselle con un volo privato proveniente da Ibiza, si è subito recato al J Medical per svolgere la seconda parte delle visite mediche, di cui una prima tranche era stata già espletata qualche giorno prima della finale di Champions League, al fin di valutarne l’effettiva risoluzione dei problemi alla schiena che l’hanno tenuto fuori per qualche mese. Al termine dei controlli, il tedesco si è diretto in sede, dove, dopo aver firmato un quadriennale, ha stretto la mano al Presidente Andrea Agnelli, per poi concedersi ai microfoni per rilasciare le sue prime dichiarazioni da neo-juventino.

“Questo è un giorno fantastico per me, uno dei più belli della mia vita. Sono molto felice di essere qui e ovviamente si percepisce subito la grandezza di questo club. Sono appena stato al J Medical, una struttura grandissima, così come lo è la sede della società”.

Parole sentite, quelle del nuovo numero 23 bianconero, che, stuzzicato dalle domande dei giornalisti, rivela il perchè della sua scelta, nonostante l’interesse di molte altre squadre: “La Juventus è un grandissimo club. Seguo la squadra sin da quando ero piccolo, la Juventus è abituata a vincere titoli e questo è quello che voglio fare anch’io”.

Una passione per la Vecchia Signora che arriva da lontano, sin dalla gioventù del centrocampista tedesco, quando sognava di vestire questi colori: “Quando ero piccolo, avrò avuto sei anni, il mio allenatore mi disse che un giorno avrei giocato nella Juventus e oggi sono qui. Non lo dimenticherò mai e sono veramente felice di essere qui e spero che insieme potremo divertirci e vincere molti trofei”. 

Ovviamente un incentivo ad accettare la corte spietata di Marotta e Paratici è giunto anche dal suo connazionale, il nostro Khedira: “Sami mi ha detto che è un grandissimo club e che sarei stato un giocatore da Juventus”.

a cura di @44gattdernesto