È proprio vero. C’è gente che, come il vino, più passano gli anni e più migliora. Blerim Dzemaili ne è un esempio.

Lo svizzero, alla soglia dei suoi 31 anni, sta vivendo la sua migliore stagione. Sostanza e qualità per 90 minuti, conditi da medie-gol degne di un centravanti: già 8 gol e due assist per il giocatore ex Napoli.

La dirigenza del Bologna vorrebbe trattenerlo date le strepitose prestazioni di quest’anno, ma c’è un piccolo intoppo. Infatti, Dzemaili il giugno scorso ha firmato un contratto con l’altra società di Joey Saputo, patron del Bologna. Il numero 31 ha un accordo con il Montreal Impact (squadra anche di Mancosu e fino a poco tempo fa di Didier Drogba), che entrerà in vigore per la stagione 2017-2018.

Questo accordo era stato preso con una visione un po’ pessimistica: infatti, nessuno si sarebbe potuto aspettare una stagione così brillante da parte dello svizzero, che però ha dimostrato di meritarsi a pieno una conferma nel calcio che conta.

A tal proposito ha parlato Fenucci, amministratore delegato del Bologna: “Il contratto parla chiaro. Nonostante la nostra volontà di trattenerlo, Blerim ha firmato un contratto con il Montreal Impact. A giugno volerà in Canada, gli accordi sono stati fatti e vanno rispettati“.

Dzemaili quindi che dovrà abbandonare l’Italia e la Serie A per una decisione presa un po’ di corsa: forse è vero che la fretta è cattiva consigliera.

Gabriele Amerio (@gabrieleamerio)

PER TUTTE LE NOTIZIE E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI