In Italia si fatica: quante volte avete sentito queste parole? Tante, forse troppe: così come sono troppi i giocatori che, lasciato il “nostro” calcio, fanno le fortune di un club straniero. Ecco: in questo discorso rientra anche Gonzalo Escalante, centrocampista dell’Eibar che, nella stagione 2014/15 ha disputato la Serie B con la maglia del Catania.

Un’annata sfortunata, quella: poco campo e tante critiche. Arrivato in rossazzurro dal Boca Junior con buone referenze (in patria era un buon talento), l’argentino classe 1993 non è mai riuscito ad incidere, anzi: in poco tempo è finito fuori dai radar dei vari allenatori che hanno occupato la panchina etna. Piedi buoni, ma poco ritmo: l’abbiamo già scritto, in Italia non è facile. A fine stagione, però, ecco la chiamata dell’Eibar ripescata in Liga dopo la retrocessione d’ufficio dell’Elche, pronta a concedergli un’opportunità: due anni dopo, Escalante è uno dei titolari inamovibili della formazione azulgrana. E fin qui potrebbe anche essere la classica storia del giocatore un po’ “sfigato” che si trova meglio in altre piazze: vi sorprenderà sapere che c’è dell’altro. Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, infatti negli ultimi giorni l’ex Boca sarebbe stato contattato dal Valencia: avete presente il Mestalla? Bene: “El Municipal de Ipurùa”, stadio del club basco, con i suoi 6.267 posti a sedere è quasi nove volte più piccolo dell’impianto che ospita le gare interne di Nani e compagni.

Per adesso si tratta di sondaggi, ma sembrano esserci tutti i presupposti per vederlo giocare con la camiceta blanca del Valencia: la palla, quindi, passa all’Eibar, che vorrebbe puntare sul centrocampista argentino anche in ottica futura. E’ arrivata la grande occasione per Escalante?

Antonio Torrisi (@ped1722)

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI