Copa Libertadores 2019

Dopo tanti mesi di attesa, seguiti alla Superfinal tra River Plate e Boca Juniors al Santiago Bernabeu, e dopo i playoff che hanno sancito le ultime quattro qualificate a una avvincente fase a gironi, è tutto pronto per l’inizio della Copa Libertadores 2019: nella notte tra il 5 e il 6 marzo scatterà la fase a gironi della nuova edizione del torneo più famoso del Sudamerica, una competizione fatta di tecnica e grandi talenti, ma anche di grandi sorprese. La Copa Libertadores 2019 si fermerà per un paio di mesi per la Copa America, e vivrà per la prima volta nella sua storia la finale ”all’europea”, disputata il 23 novembre a Santiago de Chile: prima di occuparci di tutto questo, però, spazio alla fase a gironi, che ci terrà impegnati da marzo a maggio. Fino al 5 marzo vi presenteremo due gironi al giorno. Dopo i gruppi A e B, passiamo al gruppo C: ecco a voi Olimpia, Sporting Cristal, Godoy Cruz e Universidad de Concepcion.

OLIMPIA ASUNCION: IL DECANO VUOLE TORNARE GRANDE

L’Olimpia Asuncion è uno dei club che ha fatto la storia del calcio sudamericano: ha vinto tre Copa Libertadores, e vissuto tantissime età dell’oro. Dopo un paio d’anni di delusioni ed eliminazioni premature dai tornei continentali, l’Olimpia riabbraccia la fase a gironi, e soprattutto lo fa da testa di serie e in un girone che sembra sorriderle: il Decano ha avuto una discreta fortuna nel sorteggio, e sembra avanti a ogni contendente nel gruppo C. Anche perchè Daniel Garnero, tecnico argentino ed ex Guarani, ha costruito un’autentica corazzata: l’Olimpia ha vinto sia l’Apertura che il Clausura nel 2018, conquistando il record assoluto di punti del Paraguay (102) e uno storico bicampeonato. E, come se non bastasse, ha aggredito il 2019 con lo stesso spirito: sette vittorie (compreso il 3-2 alla Libertad) e un solo pareggio, un 2-2 contro il Cerro Porteno, che valgono 22 punti in otto gare e lo status di imbattuti, con 22 reti segnate e sette subite. Numeri da grande squadra, per un club che può fare strada, se non si ritroverà a soffrire per l’età avanzata dei suoi interpreti-chiave: l’età media della formazione titolare sfiora i trent’anni, basti pensare che una leggenda come Roque Santa Cruz è ancora titolare e sempre decisivo in campionato. Roque, che si alterna con Montenegro, è (con William Mendieta) il giocatore chiave della fase offensiva del 4-4-2 disegnato da Garnero, mentre in difesa i leader sono Alcaraz (39 anni, ex Libertad) e Leguizamon, rientrato dal Godoy Cruz. L’Olimpia si è ampiamente rinforzata nella sessione invernale: sono arrivati esterni di gamba e tecnica come Alejandro Silva (Montreal Impact) e Viudez (Nacional), che hanno giocato la finale della Libertadores con Lanus e River, e anche l’ex Fiorentina Maxi Olivera per la fascia sinistra, oltre ai rinforzi ”interni”. È un’Olimpia che può accedere agli ottavi, e far sognare il Defensores del Chaco.

SPORTING CRISTAL: IL RE DEL PERÙ

Lo Sporting Cristal è la squadra emergente del campionato peruviano, e ha vinto con merito il campionato nel 2018: siamo di fronte a una squadra che è cresciuta fino a segnare un’epoca in Perù, e che ha da poco cambiato allenatore. Il nuovo tecnico è il 51enne argentino Claudio Vivas, ex Banfield e Cile U20, che ha subito iniziato bene: 9 punti in tre gare, e un gioco convincente che ha consentito ai celestes di ricominciare da dove avevano concluso. Lo Sporting Cristal ha un leader in ogni reparto: Merlo e Revoredo sono centrali affidabili, mentre a centrocampo il veterano Cazulo viene affiancato da Calcaterra, e la trequarti è formata da giocatori rapidi dalla buona tecnica. In attacco, c’è ampia scelta: dal Puebla è arrivato Cristian Palacios (ex Peñarol), che si giocherà una maglia nel 4-2-3-1 con Emanuel Herrera e Alex Succar (rientrato dal Sion). L’attacco è il reparto maggiormente rinforzato dai peruviani, che hanno ingaggiato anche Arce dal Melgar e Gonzalez dal Colo Colo: tra le uscite, invece, ce n’è una di rilievo, visto che Ballon è approdato all’Universidad de Concepcion. Probabilmente, non si sarebbe aspettato di sfidare subito i suoi ex compagni all’Estadio Alberto Gallardo di Lima.

GODOY CRUZ: BERNARDI, IL MORRO E TANTE INCOGNITE

Il Godoy Cruz è una squadra profondamente differente rispetto a quella che abbiamo lasciato nella sua ultima apparizione durante la Copa Libertadores: nel corso delle varie sessioni di mercato sono cambiati molti interpreti, eppure il Tomba ha ottenuto ugualmente il 2° posto nella Superliga Argentina 2017-18, giocando un buon calcio. Poi è arrivato il calciomercato a privare gli argentini di alcuni giocatori (Guille Fernandez, Garro ecc), che nelle scorse ore hanno ceduto ufficialmente anche Angileri al River Plate, che doveva tappare il ”buco” in rosa lasciato dall’infortunio di Casco. Quello che ci troveremo di fronte, dunque, è un Godoy Cruz profondamente rinnovato, anche in panchina: Marcelo Gomez è stato esonerato per lo scarso rendimento della squadra nell’attuale Superliga Argentina (14° posto, 27pti in 20 gare), ed è tornato Lucas Bernardi, colui che aveva guidato il Tomba nell’ottima Copa Libertadores 2017. Si troverà a guidare una squadra giovane, che dopo il suo addio ha trovato nuovi interpreti: la stella assoluta è il Morro Santiago Garcia, autore di 17 reti nel 2017-18 e di 7 gol nel 2018-19. Sarà lui a guidare l’attacco, che ha come altri interpreti Angel Gonzalez e Lucero (ex Tijuana): a centrocampo, il leader è Hernan Bernardello, acquistato dal Newell’s, e non mancano i giovani talenti nella rosa argentina. Non a caso, il mercato del Godoy Cruz è stato decisamente giovane: oltre a Lucero e Bernardello, sono arrivati gli U23 Heredia (Boca Juniors), Merentiel (Peñarol), Kevin Gutierrez (Racing) e Barboza (Argentinos Jrs). Alcuni di loro troveranno spazio nella formazione titolare, che purtroppo per il Tomba non vedrà Ricardo Centurion: dopo la rottura col Racing, gli argentini hanno tentato di ingaggiare il Wachiturro in prestito per la sola Copa Libertadores, ricevendo un secco no. Il Malvinas Argentinas non assisterà al talento di Centu, ma spera di assistere alla qualificazione dei suoi.

UNIVERSIDAD DE CONCEPCION: IL GIOIELLINO DI BOZAN RIUSCIRÀ A QUALIFICARSI?

L’Universidad de Concepcion era una società ”periferica”, fino a qualche anno fa, poi è arrivato il suo ”capitano”, l’uomo che ha trasformato la U de Conce nella squadra vicecampione del Cile. Francisco Bozan si è seduto sulla panchina del club gialloblù nel 2016, a soli 29 anni, ed ha letteralmente trasfigurato il club: in soli due anni e mezzo, la U de Conce è diventata una delle migliori realtà del paese, e Bozan è diventato uno dei tecnici emergenti del Sudamerica, che verosimilmente si ritroverà a fare il grande salto negli anni a venire. Al club manca solo un titolo, o una grande prestazione in Copa Libertadores: chissà che non arrivi nel 2019 e in un girone che è decisamente equilibrato. D’altronde, la U de Conce si è rinforzata, aggiungendo esperienza a una buonissima rosa: sono arrivati gli ex Universidad Catolica Cordero e Voboril, la vecchia conoscenza italiana Rolin (Nacional, ex Catania) e il mediano peruviano Ballon (Sporting Cristal), ma anche talenti come Patricio Rubio (Everton), che sarà il nuovo centravanti. E in rosa c’è anche Guido Vadalà, in prestito dal Boca Juniors: si sta rilanciando da ala destra nel 4-2-3-1 di Bozan, e in una squadra che ha tra i suoi leader il fantasista Droguett e il 41enne portiere Cristian Munoz. La U de Conce è chiamata a fare un’ottima Copa Libertadores, anche per rilanciare la sua stagione: l’anno è iniziato decisamente maluccio, con un punto in due gare, e l’Estadio Municipal de Concepcion ormai è abituato troppo bene per rischiare di tornare all’anonimato.

IL CALENDARIO DEL GIRONE

1a giornata- 5/3 h. 23.15 Godoy Cruz-Olimpia, 6/3 h. 23.15 Universidad de Concepcion-Sporting Cristal

2a giornata- 12/3 h. 23.15 Olimpia-Universidad de Concepcion, 13/3 h. 1.30 Sporting Cristal-Godoy Cruz

3a giornata- 4/4 h. 00.15 Universidad de Concepcion-Godoy Cruz, 5/4 h. 4 Sporting Cristal-Olimpia

4a giornata– 10/4 h. 00.15 Olimpia-Godoy Cruz, 11/4 h. 00.15 Sporting Cristal-Universidad de Concepcion

5a giornata- 24/4 h. 00.15 Universidad de Concepcion-Olimpia, 24/4 h. 2.30 Godoy Cruz-Sporting Cristal

6a giornata- 10/5 h. 00.15 Godoy Cruz-Universidad de Concepcion e Olimpia-Sporting Cristal.

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.