Dopo l’entusiasmante rimonta del Gremio nel derby brasiliano contro il Palmeiras, proseguono i match di ritorno dei quarti della Copa Libertadores 2019: in campo Boca Juniors e LDU Quito alla Bombonera, mentre l’Internacional tenta di ribaltare la sconfitta esterna contro il Flamengo di Gabigol e compagni. Andiamo a scoprire cos’è successo stanotte: vi ricordiamo che il tabellone dei quarti si chiuderà stanotte col match tra il Cerro Porteño e il River Plate, che ha un piede e mezzo in semifinale.

BOCA JUNIORS-LDU 0-0: PARI PER GLI XENEIZES, IL SUPERCLASICO SI AVVICINA– La qualificazione del Boca Juniors non era minimamente in discussione, dopo la vittoria e il 3-0 inflitto alla LDU in Ecuador, e tutti si aspettavano un ampio turnover per gli xeneizes, che affronteranno il River Plate nel weekend e nel Superclasico. Non succede questo, dato che Gustavo Alfaro schiera quasi tutti i titolari, risparmiando solo De Rossi e Zarate: si torna al 4-4-2 con Andrada; Weigandt, Lisandro Lopez, Izquierdoz, Mas; Salvio, Capaldo, Marcone, MacAllister; Tevez, Abila. Nella LDU è titolare il giovanissimo centrocampista Alcivar, mentre Anderson Julio, Jhojan Julio e Ayovi supportano Aguirre. Il Boca Jrs può controllare dopo il successo dell’andata, ma prova comunque a vincere alla Bombonera: la prima occasione è di Lisandro Lopez, che colpisce a lato di poco di testa. Risponde la LDU con Ayovi che spreca un’ottima occasione, mentre Alcivar va vicino al gol su punizione. Paura al 30′, quando Christian Cruz si frattura la gamba in maniera scomposta dopo una brutale torsione: esce in lacrime e in barella. Gli xeneizes gestiscono i ritmi della sfida senza fatica, e sfiorano nuovamente la rete nella ripresa: traversa di Sebastian Villa, che stava colpendo in contropiede. La Copa Libertadores di Daniele De Rossi inizia all’80’, e ce lo aspettiamo tra i titolari nella semifinale contro il River Plate. Un Superclasico in semifinale è la perfetta occasione di rivincita per il Boca Jrs, uscito sconfitto dal match dell’anno scorso nella finalissima della Libertadores.

INTERNACIONAL-FLAMENGO 1-1: RIMONTA FALLITA PER IL COLORADO– Il Flamengo ha vinto 2-0 all’andata, e ha di fatto la qualificazione in pugno. Serve un mezzo miracolo all’Internacional sul terreno casalingo di Porto Alegre, e Odair Hellmann schiera una formazione più offensiva: 4-3-3 con Marcelo Lomba; Bruno, Rodrigo Moledo, Cuesta, Uendel; Edenilson, Rodrigo Lindoso, Patrick; Rafael Sobis, Guerrero, D’Alessandro. Il Flamengo risponde col 4-1-3-2, marchio di fabbrica di Jorge Jesus, e schiera Gustavo Cuellar in quella che dovrebbe essere (stavolta per davvero) la sua ultima brasiliana prima del passaggio all’Al-Hilal: Diego Alves; Rafinha, Rodrigo Caio, Pablo Mari, Filipe Luis; Gustavo Cuellar; Everton Ribeiro, Gerson, De Arrascaeta; Gabigol, Bruno Henrique. Settimana importante per Gabigol: molti club l’hanno chiesto all’Inter, ma il Flamengo lavora al riscatto per circa 18mln. D’altronde ha segnato 12 gol in 12 gare nel Brasileirao e quattro gol in Copa Libertadores, ed è il trascinatore del Fla. Il Mengão parte subito forte, e Lomba evita il vantaggio rossonero neutralizzando la conclusione di De Arrascaeta. Nuova occasione per Gabigol, che calcia a lato di pochissimo, mentre verso la mezz’ora è nuovamente Lomba a evitare la rete avversaria, parando il rasoterra di Bruno Henrique. Occasione clamorosa per Gabigol a fine primo tempo, ma il tiro è out. Nella ripresa ecco i gol: apre le marcature Rodrigo Lindoso al 62′, con un colpo di testa che spiazza Diego Alves e viene convalidato dopo quattro minuti di revisione alla VAR. Il Flamengo pareggia e chiude in contropiede con Gabigol, che spiazza Lomba per l’1-1 finale, siglato all’85’. Sarà Flamengo-Gremio in semifinale.

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.