Il tecnico salentino ha così spiegato la sua scelta di rifiutare il Real Madrid

In occasione della cerimonia di premiazione per la Panchina d’Oro, Antonio Conte ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al suo mancato approdo al Real Madrid. Queste le parole dell’allenatore ai microfoni della Rai:

Per il mio modo di intendere questo mestiere, ho preferito e preferisco aspettare giugno per iniziare un nuovo lavoro, anche se non si può mai dire. Magari fra due, tre mesi, mi tornerà la voglia di allenare e smentirò quello che ho appena detto”.

L’ex-tecnico del Chelsea si è soffermato brevemente anche sulla frecciatina di Sergio Ramos, che non vedeva di buon occhio un suo possibile arrivo sulla panchina dei blancos (”Il rispetto va conquistato e non imposto”). Ecco il pensiero di Conte sulla faccenda:

Gli allenatori hanno bisogno di trovare educazione e rispetto quando entrano in un nuovo spogliatoio: è fondamentale. Quando questi mancano, iniziano i problemi”.

Una risposta breve, ma comunque chiara e precisa.

In ogni caso, anche alla luce di queste dichiarazioni, si sa ben poco sul futuro dell’allenatore salentino. Di sicuro, sono tante le squadre (soprattutto italiane) che hanno proprio l’ex-CT come prima scelta in caso di cambi in corsa o a fine stagione. Intanto, però, non ci resta che aspettare novità in merito.

A cura di Samuel Giuliani