La Cina ci guarda, e non solo per investimenti e possibili affari: lo fa per tifo, quello vero. La nostra Serie A, infatti, secondo un sondaggio lanciato da The Mailman, azienda di spicco per ciò che riguarda il marketing sportivo nella Repubblica Popolare Cinese, è tra i campionati più seguiti nel grande Paese asiatico. Con numeri in crescita rispetto a qualche mese fa.

Che poi è anche uno degli obiettivi di chi punta sui club italiani, come ad esempio Yonghong Li o Zhang Jindong, proprietari di Milan e Inter, quello di collegare con un “filo rosso” i tifosi di più nazioni e dare vita ad un effetto domino anche dal punto di vista economico. Tornando alla classifica, stilata anche grazie al contributo di Score Sports, media cinese, nel corso degli ultimi mesi i tifosi asiatici hanno “cambiato gusti”, per certi versi: se in passato il Manchester United guidava il gruppo delle più seguite, adesso sul podio troviamo Barcellona (17,47%), Real Madrid (15,8%)… e Milan, che attira il 13,2% dei calciofili cinesi. Giù dal podio, un altro italiano protagonista: dopo i Red Devils di José Mourinho (12,9%) figura, infatti, Carlo Ancelotti con il suo Bayern Monaco (8,1%), che fa del Made in Italy un marchio di fabbrica anche in Germania.

Ancora Serie A, però, al sesto e al settimo posto: vicine, l’Inter (5,89%) e la Juventus (5,5%) si danno battaglia a suon di “fans”, che piano piano gli permettono di accorciare sui club che li precedono e di allungare su Chelsea (4,99%), Liverpool (4,83%) e Arsenal (4,48%) che completano la Top Ten. Chiaramente, si tratta di una classifica in divenire: il calcio in Cina sta crescendo esponenzialmente, e lo dimostra la volontà dei club di puntare su giocatori “fatti in casa” piuttosto che sui campioni “belli e pronti”, tra cui i molti che nella scorsa estate hanno fatto le valigie e sono tornati in Europa. Restano comunque segnali positivi: la Serie A non è un campionato di second’ordine, e questi dati lo confermano.

Antonio Torrisi (Twitter @ped1722)