Due squadre, un solo risultato. Chievo Verona Atalanta si sfideranno domani al Bentegodi di Verona e per entrambe le squadre non saranno ammessi errori. I padroni di casa sono ancora fermi a -1 punto in classifica, frutto di due pareggi in otto giornate che hanno quasi eliminato il deficit iniziale di tre punti di penalità. L’Atalanta invece non vince dalla prima di campionato, e in classifica è ferma a 6 punti. La sfida di domani è già uno scontro diretto, con il Chievo obbligato a vincere per non perdere il treno salvezza, mentre gli orobici vorranno staccarsi dal quartultimo posto per dare serenità ad un ambiente che, dall’eliminazione ai playoff di Europa League, sembra aver perso tutte le sue certezze.

Chievo, Ventura è l’uomo giusto?

Per riscattarsi da un inizio di stagione molto complicato il presidente del Chievo, Campedelli, ha affidato la panchina a Giampiero Ventura. L’ex commissario tecnico della nazionale torna così ad allenare dopo il maledetto playoff per accedere ai Mondiali perso contro la Svezia, casualmente proprio in una squadra dai colori sociali identici a quelli svedesi. Il destino sembra aver dato a Ventura la possibilità di riscattarsi: l’ex tecnico del Torino saprà sfruttare l’occasione?

Atalanta, una vittoria scaccia pensieri

L’Atalanta non sa più vincere: da quel 20 agosto, ovvero dalla vittoria contro Frosinone con un netto 4-0, gli orobici hanno perso la strada che porta ai tre punti. L’uscita dai playoff di Europa League e una preparazione fatta in vista delle tre competizioni possono essere un motivo di questo calo, ma non devono essere la scusa a tutti i mali. Sei punti sono troppo pochi per una squadra che puntava nuovamente ad un piazzamento fra le prime sette classificate. Vincere a Verona potrebbe svoltare la stagione.

Stepinski – Zapata: chi avrà la meglio?

La sfida fra Chievo e Atalanta sarà anche la sfida fra due bomber spuntatiMariusz Stępiński Duván Zapata. Il primo era partito forte in campionato, segnando alla Juventus alla prima giornata. Da lì, poi, solamente un altro gol. Zapata invece era arrivato a Bergamo per risolvere la maledizione del gol dei numeri nove di Gasperini. Nell’ultima stagione infatti, sia Petagna che Cornelius non avevano convinto la società sotto il punto di vista della finalizzazione, con Percassi che si era fiondato sull’ex Sampdoria per porre fine al problema. I risultati però non sono cambiati, e sia Zapata che Barrow, attaccante proveniente dal vivaio nerazzurro, non hanno dato il loro apporto decisivo in zona gol.

Vincere per scacciare i pensieri più bui: i tre punti passeranno anche dai piedi dei due bomber.

A cura di Gabriele Burini (@gabrieleburini)

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI