Tra il Chelsea e Diego Costa si profila un duello in tribunale. Durante l’estate, l’attaccante naturalizzato spagnolo, da tempo in rotta con i “blues“, ha rifiutato numerose offerte provenienti dalla Cina e da altre società europee, in quanto il suo unico desiderio era quello di tornare all’Atletico Madrid.

Tuttavia, anche per via del mercato bloccato dei “colchoneros“, il suo secondo approdo nella capitale della Spagna non è avvenuto, e il Chelsea, nonostante il calciatore viva ormai da separato in casa, lo ha comunque inserito nelle liste ufficiali per la Champions e per la Premier. In forza di questo, il club londinese farà causa a Diego Costa qualora non rientri dal Brasile per tornare ad allenarsi con il resto della squadra.

Dal canto suo, il centravanti proverà a far passare il messaggio del manager Antonio Conte – il quale a giugno gli scrisse “Sei fuori dai piani, trovati una squadra” – come mobbing.

La guerra a distanza tra il Chelsea e Diego Costa, determinante nell’ultimo campionato grazie alle 20 marcature messe a segno, dunque continua.

Raffaele Campo (@CampoRaffaele)