Secondo turno di Champions League e seconda tornata di appuntamenti con l’analisi delle partite della massima competizione europea: oggi analizzeremo insieme tutti i march del martedì di Champions. Alle 20:45 fischio d’inizio per i gironi E, F, G e H: in campo anche il Napoli di Maurizio Sarri, che ospiterà al San Paolo il Feyenoord.


Gruppo E

Siviglia – Maribor

Vita abbastanza agevole per il Siviglia che ospita il Maribor. Entrambe le squadre hanno ottenuto un pareggio nel primo match, ma gli spagnoli sono riusciti ad uscire indenni dalla bolgia di Anfield. Sabato scorso la squadra di Berizzo ha perso 2-0 al nuovo Wanda Metropolitano contro l’Atletico e il prossimo weekend è in programma il derby andaluso con il Malaga. Il Maribor arriva, invece, dal pareggio last minute con lo Spartak e da due vittorie consecutive in campionato. Gli ospiti dovranno però rinunciare al centrocampista Kramaric, uscito infortunato nell’ultimo match, mentre è in dubbio anche il difensore Zahovic. La qualità in campo pende tutta dalla parte del Siviglia grazie a giocatori come Nolito, Jesus Navas e le conoscenze italiane Muriel e Vazquez: vittoria alla favorita nella bolgia del Sanchez Pizjuan.

Spartak Mosca – Liverpool

Voglia di rivalsa per entrambe le squadre dopo due deludenti pareggi: lo Spartak Mosca è andato molto vicino alla vittoria all’esordio sul campo del Maribor, venendo poi fermando sul 1-1 al ’85; mentre al Liverpool non sono bastati Salah e Firmino (che ha sbagliato anche un rigore) nel 2-2 casalingo contro il Siviglia. Emergenza per Carrera che deve rinunciare a giocatori del calibro di Glushakov, Zobnin, Tigiyev e forse anche al condottiero Promes. Anche il Liverpool non è al top della forma, ma potrà contare su un Coutinho ritrovato e sul rientrante Mané, squalificato in Premier. Klopp avrà caricato al massimo la sua squadra per conquistare i primi tre punti: chi riuscirà a fermare Salah e Mané? Penso nessuno…


Gruppo F

NAPOLI – Feyenoord

Match  da vincere per il Napoli, assolutamente perfetto in questo avvio di Serie A ma che si è sciolto all’esordio stagionale in Champions sul campo dello Shakhtar. Ultimamente la squadra di Sarri sta faticando leggermente nei primi tempi, ma poi segna sempre almeno 3 goal a partita in Italia, come accaduto sabato contro la SPAL. Purtroppo la trasferta a Ferrara, nonostante la vittoria, sarà ricordata con dispiacere per il nuovo infortunio occorso a Milik: l’attaccante polacco dovrà operarsi al ginocchio destro, dopo aver saltato praticamente tutta la scorsa stagione per la rottura del crociato del ginocchio sinistro. Grossi guai dunque per Sarri che si ritrova con il solo Mertens come punta centrale almeno fino a gennaio: il folletto belga però ha già dimostrato di poter sostenere il peso dell’attacco partenopeo anche da solo. In questo match casalingo il Napoli è sicuramente la squadra favorita: il Feyenoord ama più attaccare che difendere e contro la squadra di Sarri questo può costare molto caro… Vittoria e primi tre punti verso le mani di Hamsik e compagni.

Manchester City – Shakhtar Donetsk

Settima vittoria consecutiva per la squadra di Guardiola? Le carte in regola ci sono tutte per un City che sembra aver trovato la completa quadratura seguendo i dettami del tecnico spagnolo. Gabriel Jesus, Aguero, Sterling, David Silva e De Bruyne sembrano a tratti incontenibili e anche questa sera faranno sicuramente la differenza contro lo Shakhtar. La squadra Fonseca mi ha sorpreso nel primo match di Champions contro il Napoli, anche se non meritava al 100% quella vittoria, considerando l’affondo finale della squadra di Sarri che avrebbe meritato almeno il pareggio. Gli ospiti proveranno in tutti modi a difendersi dal super attacco dei Citizens, ma il City del Pep si prepara ad incamerare il settimo successo di fila prima del big match di sabato contro il Chelsea di Conte.


Gruppo G

Besiktas – Lipsia

Il Besiktas ha stupito nel primo match del girone G, sbancando 3-1 il Do Dragao di Oporto. I turchi però sono reduci da un vera e propria battaglia nel derby di Istanbul, vinto 2-1 dal Fenerbahce, con due rigori per i gialloblù e ben 2 espulsioni per parte. Il Lipsia ha praticamente zero esperienza in Champions visto che questa sarà la sua prima trasferta nella massima competizione europea. E non sarà nemmeno una trasferta qualunque visto che i giocatori di Hasenhuttl dovranno giocare nella bolgia del Vodafone Arena di Istanbul. Come se non bastasse i tedeschi rischiano di dover fare a meno anche dei loro migliori centrocampisti Naby Keita e Kampl. Fortunatamente per loro ci sarà il bomber Timo Werner a guidare l’attacco, ma difficilmente basterà per strappare la vittoria. Penso che il Lipsia proverà a giocare per il pareggio, ma il Besiktas è favorito grazie al caloroso tifo del suo stadio.

Monaco – Porto

Ritorno alle origini per il grande ex di turno Radamel Falcao: El Tigre, infatti, si è fatto conoscere nel calcio europeo proprio con la maglia del Porto. Il Monaco arriva a questo match in un ottimo stato di forma, segnando anche a valanga grazie al bomber Falcao, Ghezzal e alle conoscenze italiane Jovetic e Keita. Il Porto, invece, potrebbe essere distratto dal big match di Primeira Lega portoghese in programma domenica: la squadra di Conceicao, infatti, sarà impegnata sul campo dello Sporting Lisbona, secondo in classifica e distante solo due punti dal Porto. I monegaschi sognano da 13 anni la vendetta per la famosa finale di Champions persa contro il Porto di José Mourinho: la squadra di Jardim, in casa, ha tutte le carte in regola per conquistare i primi tre punti del girone.


Gruppo H

Borussia Dortmund – Real Madrid

Il Real non ha mai vinto nelle ultime 4 trasferte al Westfallenstadion (3 ko e 1 pareggio per gli spagnoli) e ha sempre faticato contro il Borussia Dortmund. I Blancos inoltre sembrano i lontani parenti della squadra che ha vinto le ultime due Champions: Ronaldo e compagni hanno già accumulato 7 punti di ritardo dal Barcellona, vincendo soltanto due volte nelle ultime cinque giornate di Liga. Il Borussia invece, nonostante le prolungate assenze di giocatori importanti, sembra aver trovato un’identità di gioco con il nuovo allenatore Bosz: i tedeschi hanno segnato 14 goal nelle ultime 3 partite e sono già solitari in vetta alla Bundesliga.
Campo ostico per il Real visto che il Dortmund deve assolutamente trovare punti dopo il ko di Wembley con il Tottenham: sfida da goal e da X, ma occhio alla possibile sorpresa dei padroni di casa.

Apoel Nicosia – Tottenham

Match senza particolari sorprese, con il Tottenham pronto a conquistare la seconda vittoria stagionale in Champions ed approfittare così dello scontro diretto tra Real e Dortmund. L’APOEL non sembra in gran forma, mentre gli inglesi possono contare sul sempre decisivo Harry Kane. Pochettino dovrà rinunciare agli squalificati Vertonghen e Alli, oltre agli infortunati Lamela e Wanyama, ma le alternative non gli mancano di certo. Tre punti da non perdere per il Tottenham in previsione del doppio confronto con il Real Madrid…


Con il gruppo H si conclude questa puntata di analisi delle partite dei gironi di Champions League. L’appuntamento è ora fissato per domani con le gare del mercoledì!

di Valerio Pennati (Twitter @ValerioPennati)

PER TUTTE LE NOTIZIE E GLI AGGIORNAMENTI, SEGUICI SU AGENTI ANONIMI

Tutti i gironi della Champions 17/18, dal nostro partner Eurosport