Dopo 7 anni l’Italia si è presentata ai nastri di partenza dell’edizione 2018/2019 della Champions League con quattro squadre, grazie alla recente riforma della competizione che prevede la qualificazione automatica alla fase ai gironi di quattro club delle prime quattro nazioni del ranking UEFA. Non accadeva, difatti, dal 2011 che l’Italia fosse così rappresentata: in quell’anno Inter, Milan e Napoli si guadagnarono l’accesso diretto mentre l’Udinese di Guidolin si dovette fermare ai playoff, sconfitta dall’Arsenal.

Nemmeno il tempo di godersi questo ritorno nell’èlite del calcio europeo che il nostro campionato potrebbe trovarsi nuovamente a poter avere tre squadre direttamente qualificate ai gironi, più un’eventuale quarta che dovrebbe guadagnarsi il pass attraverso i preliminari. Il tutto a causa della EPFL, l’associazione delle leghe calcio europee, la quale si è detta “fortemente contraria” alla riforma della UEFA riguardo la Champions League.

Al termine della riunione del direttivo, la EPFL ha di fatto chiesto alla UEFA di fare un passo indietro e di tornare ad “un format più equo  garantire maggiori profitti a tutti, e non solo ai club inglesi, italiani, spagnoli e tedeschi, che hanno già fatturati maggiori rispetto al resto della concorrenza”.  Inoltre, il segretario dell’associazione George Pangl ha aggiunto: “Il 48% delle somme elargite dall’Uefa in Coppa Campioni e Champions dal 1992 a oggi è andato a soli 14 club. Così la competitività viene meno”. 

Dunque, secondo l’associazione composta da 28 leghe calcistiche, l’accesso alla Champions League dovrebbe essere consentito ad un massimo di tre squadre per ogni Paese, più un’altra ammessa eventualmente dopo gli spareggi. Questa ipotesi pare non abbia convinto tutti: in particolare la Serie A e la Bundesliga avrebbero votato contro.

In ogni caso, la EPFL proverà a ribadire la propria posizione giorno 3 dicembre a Dublino durante l’esecutivo UEFA, in cui si discuterà dei cambiamenti delle competizioni europee e quindi anche dell’eventuale creazione della terza competizione europea.

a cura di Marco Mincione (Twitter: @Mincix91)