Eccoci arrivati ai tanto attesi quarti di finale di Champions League!

L’urna di Nyon sicuramente è stata benevola con alcune squadre (Real e Bayern), mentre lo è stata meno con le altre 6 compagini che chiudono il quadro delle migliori 8 squadre d’Europa. Questa sera prenderanno il via i primi due quarti di finale, in cui spicca subito il tanto atteso derby spagnolo tra Barcellona e Atletico Madrid. Più di cornice il match tra Bayern Monaco e Benfica.

BARCELLONA – ATLETICO MADRID (ore 20:45)

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen; Dani Alves, Piqué, Mascherano, Alba; Rakitic, Busquets, Iniesta; Messi, Suarez, Neymar

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak; Juanfran, Hernandez, Godin, Filipe Luis; Koke, Fernandez, Gabi, Saul; Fernando Torres, Griezmann

Il Barcellona ha sempre vinto negli ultimi sei precedenti con l’Atletico e quasi sempre di misura (2-1 e 1-2 in questo campionato). Infatti Luis Enrique sembra un vero e proprio tabù per i Colchoneros e per il Cholo Simeone. Questo quarto di finale ripropone la semifinale del 2013-2014. In quell’anno proprio l’Atletico Madrid fu l’ultima squadra ad eliminare il Barcellona dalla Champions League. La squadra di Simeone, infatti, riuscì a qualificarsi alla finale grazie all’1-1 del Camp Nou e vincendo poi 1-0 al Calderon.

Il Barcellona non ha avuto problemi a sbarazzarsi dell’Arsenal negli ottavi di finale, eliminandolo con un 5-1 totale. Luis Enrique potrà contare su tutti i suoi giocatori, in particolare su Messi: nessuno ha segnato più di lui all’Atletico Madrid (25 goal in 28 partite). I Blaugrana però arrivano da un lieve momento di flessione: un solo punto racimolato in due partite, in cui la squadra di Luis Enrique è risultata poco cinica. Il Barca vinceva 0-2 in casa del Villarreal prima di farsi rimontare e chiudere il match sul 2-2. Inoltre nell’ultima partita è uscita sconfitta dal Clasico contro il Real Madrid, dopo essere stato avanti per 1-0 e con un uomo in più… Il Barcellona comunque poteva permettersi tranquillamente anche questi due passi falsi, visto che ha conservato sempre 6 lunghezze di vantaggio sull’Atletico Madrid, secondo in campionato.

Gravi problemi per Simeone, che potrebbe rinunciare ai suoi centrali titolari… Giménez è infortunato e molto probabilmente non sarà della partita, mentre Godin è in dubbio. Come se non bastasse anche Savic, Ferreira-Carrasco, Tiago e Vietto sono in forte dubbio. La squadra di Simeone ha rischiato fortemente di uscire agli ottavi con il PSV, passando il turno solo ai rigori e grazie ad uno sciagurato errore di Narsigh. L’Atletico, inoltre, ha perso una sola volta nelle ultime 11 partite, ma proprio nell’ultima trasferta a Gijon (2-1).

Sicuramente il quarto di finale più intrigante. Il Barcellona non ha bisogno di presentazioni e per me rimane la favorita per la vittoria in questo match e per il passaggio del turno. Simeone dovrà cercare di recuperare i suoi difensori centrali, altrimenti sarà difficile contenere la MSN. Comunque il tecnico dell’Atletico potrà contare sulla grande forma di Griezmann, sempre in goal nelle ultime 6 partite di Liga, per segnare almeno un goal al Camp Nou che varrebbe doppio.

Barcellona - Atletico Madrd

BAYERN MONACO – BENFICA (ORE 20:45)

Bayern Monaco (4-1-4-1): Neuer; Lahm, Kimmich, Benatia, Alaba; Alonso; Douglas Costa, Vidal, Muller, Ribery; Lewandowski

Benfica (4-4-2): Ederson; Semedo, Lindelof, Fejsa, Eliseu; Pizzi, Sanches, Samaris, Gaitan; Jonas, Mitroglu

Match sulla carta già scritto con il Bayern che dovrebbe passare agevolmente il turno, ma attenzione al ritorno nella bolgia del Da Luz… Il Benfica non ha mai vinto nei precedenti contro il Bayern Monaco (4-2-0), perdendo anche in maniera poco dignitosa nelle ultime tre trasferte in Baviera (4-1, 4-1 e 5-1).

Il Bayern ha eliminato quasi miracolosamente la Juventus, grazie al doppio 2-2 e a dei super tempi supplementari. Dopo il passaggio del turno la squadra di Guardiola ha conquistato due misere vittorie per 1-0. Il tecnico spagnolo ha recuperato Ribery e Javi Martinez, ma dovrà rinunciare ai soliti lungo degenti Boateng e Badstuber. Inoltre Robben, Benatia e Coman sono in dubbio.

Le Aquile di Rui Vitoria hanno eliminato lo Zenit agli ottavi grazie al 1-0 dell’andata e al 1-2 del ritorno, ma stavano perdendo 1-0 a 5 minuti dalla fine. Nell’ultimo turno il Benfica ha sconfitto il Braga con un netto 5-1 e ha consolidato sempre più il primato nel massimo campionato portoghese. Il tecnico Rui Vitoria molto probabilmente dovrà rinunciare all’esperienza di Julio Cesar e del capitano Luisao, ma potrà contare sulla grande vena realizzativa di Jonas (30 goal e 10 assist in 28 partite di campionato).

Il Bayern ha tutti i favori del pronostico dalla sua parte, ma dovrà vincere in casa per non essere costretto a farlo nella bolgia del Da Luz. Il Benfica cercherà di segnare almeno un goal all’Allianz Arena per tenere ancora aperto il discorso qualificazione, ma dovrà stare attento a non subire una goleada…

Bayern Monaco

Valerio Pennati