, ,

Festeggialo con noi Mateo Musacchio... il nuovo centrale rossonero vestito da Kakà

Se chiedi ad un tifoso milanista cosa rappresenta il numero 22, ti risponde con due parole: Ricardo Kakà, stella rossonera che ha scritto pagine di storia milanista, ultimo marziano capace di vincere il pallone d'oro, prima che cominciasse…
, ,

Festeggialo con noi... il piccolo signor Bonaventura

Giacomo Bonaventura (classe 1989) arriva da San Severino Marche, secondogenito ha una sorella piu' grande di nove anni, da piccola anche lei sportiva nell'abito della ginnastica artistica, dal piccolo borgo marchigiano è partita la sua storia. Nell'estate…
,

Le 100 panchine di Sarri, uno zelante studioso del calcio

L'avventura di Sarri al Napoli è stata finora emozionante, passionale, fonte di ispirazione e di progresso. Dopo una risposta molto negativa da parte dell'opinione pubblica, il tecnico toscano ha lasciato tutti di stucco e ha tramutato le…
, ,

Festeggialo con noi... l'Abatino rossonero: Gianni Rivera

Alessandria e il Monferrato: una zona conosciuta per la produzione del vino. Tra i più famosi, troviamo la Bonarda e il Barbera. Ma oltre ad essere una terra vinicola, Alessandria è la città natia di Gianni Rivera, il primo numero 10 che…
, ,

Festeggialo con noi... Super Mario Balotelli il talento del calcio italiano mai espresso

La storia di Mario Balotelli è complicata da raccontare un po' come tutta la sua vita, nato a Palermo da due genitori Ghanesi emigrati nel capoluogo siciliano, ma a soli tre anni e passato a una famiglia bresciana di Concesio da cui ha preso…
,

Festeggialo con noi... Zanetti. El Tractor, Pupi, tanti soprannomi per una sola stella

Dall'Argentina all'Italia, con solo biglietto d'andata. Perché Javier Adelmar Zanetti è diventato una bandiera del calcio italiano prima ancora di essere un'icona dell'Albiceleste. Zanetti, a quarant'anni, ha vinto tutto. Nella notte del Bernal,…
, , , , , ,

Festeggialo con noi... Filippo Inzaghi. Cecchino infallibile con il gol nelle vene

"Nell'azione del gol ho pensato solo a far finta di darla a Barone sulla destra, cercare di scartare Cech, ma era un rischio perché è alto quasi due metri e non dovevo allungarmi troppo. In quei momenti, però, se pensi troppo diventa tutto…
, ,

Festeggialo con noi...Federico Giunti l'umbro doc

La storia di Federico Giunti inizia dal suo paese natio, Città di Castello borgo  a nord dell'Umbria al confine con la Toscana e le Marche. Giunti era un centrocampista centrale capace anche di agire come fantasista dietro le punte oppure…