Serata a dir poco tragica per l’Olanda che, dopo gli Europei del 2016, non parteciperà nemmeno ai Mondiali in Russia nel 2018.

Oltre alla beffa della mancata qualificazione, il pubblico olandese dovrà salutare anche capitan Arjen Robben, guerriero ultimo a mollare che ha giocato la sua ultima partita con la nazionale. Un addio davvero amaro a livello collettivo, ma dal punto di vista personale, per il giocatore del Bayern è stato un dolce saluto.

Robben ha segnato una bellissima doppietta, non tanto dal punto di vista dello spettacolo, quanto per il romanticismo del gesto. Il numero 11 ha esordito nel lontano 2003 con gli Orange, al minuto 77′ dell’amichevole contro il Portogallo, rilevando Overmars del quale poi ne avrebbe anche ereditato la posizione in campo. Robben abbandona la nazionale dopo ben 96 partite, ad un passo dalla tripla cifra, e soprattutto con alle spalle 37 gol.

Robben si posiziona quarto nella classifica all-time degli orange, superando al photofinish Ruud van Nistelrooy e agganciando Bergkamp.

Serata amara per l’Olanda, che se ne va con una certezza: capitan Arjen ha dato tutto, ma proprio tutto, fino all’ultimo gol.

Gabriele Amerio (@gabrieleamerio)

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI