Calciomercato Ligue 1

La giornata di ieri è stata quella del deadline day europeo: alle 18 si chiudeva il calciomercato della Bundesliga, alla mezzanotte quelli di Liga e Ligue 1. Il venerdì del calciomercato francese è stato ricco di movimenti e colpi di scena: andiamoli ad analizzare insieme, elencando tutti i colpi delle ultime ventiquattr’ore.

CALCIOMERCATO LIGUE 1: LIONE E BORDEAUX REGINE DELLE ULTIME 24h, RINFORZI ANCHE PER IL PSG– La regina dell’ultimo giorno di mercato, in quanto a grandi nomi, è stata senza dubbio il Lione. I francesi avevano da investire i 22mln incassati da Mariano Diaz per ottenere un altro centravanti, e lo fanno prontamente: dopo una trattativa ad alta tensione, verso le 22.30 ecco l’annuncio della chiusura dell’acquisto di Moussa Dembelé dal Celtic. L’attaccante classe ’96, cresciuto nel PSG, sgrezzato dal Fulham ed esploso nel Celtic (51 gol in 94 match), sarà il riferimento offensivo perfetto per Genesio ed è un grande rinforzo. L’OL ingaggia anche l’U19 Lenny Pintor, aletta offensiva tutto pepe che arriva per 5mln dal Brest, ma fallisce l’altro grande obiettivo di Aulas: il Lille fa muro per Pépé, non commettendo l’errore dell’estate 2017 e non vendendo la punta titolare nell’ultimo giorno di mercato. Così facendo, resta al Lione Cornet, che era vicino al Wolfsburg per 15mln.

L’altra grande e assoluta protagonista dell’ultimo giorno di mercato è il Bordeaux, ancora affidato a Bedouet dopo il no di Henry e in cerca di un tecnico: i girondini, che sono in gravissima crisi economica, si rinforzano con due prestiti ”italiani”. Dall’Atalanta arriva Cornelius in prestito, dall’Inter arriva Karamoh con la formula del prestito secco: doveva andare al Saint-Etienne (che si consola con Salibur, arrivato dal Guingamp), ha scelto il Bordeaux perchè giocherà l’Europa League e potrà mettersi in mostra anche in Europa con l’obiettivo di tornare all’Inter rafforzato e pretendere una maglia da titolare. Movimenti anche per il PSG, che a sorpresa arriva all’ultimo per rinforzarsi: ecco il terzino sinistro con l’approdo di Bernat, acquistato per soli 7mln visto che era a scadenza col Bayern e fuori dai piani di Kovac e di un Hoeness che punta a despagnolizzare il club.

Ma non è finita qui, dato che il PSG si rende protagonista del trasferimento-random dell’estate: arriva Choupo-Moting a zero dallo Stoke City, voluto fortemente da Tuchel che lo vede come vice-Cavani (e l’aveva allenato al Mainz) e ha spinto per il suo arrivo con un contratto biennale. Un acquisto non da PSG, ma l’esigenza di rispettare il FPF ci regala queste perle di calciomercato: i parigini avevano cercato anche di acquistare Lobotka dal Celta, che ha fatto muro e non ha trattato i 40mln della clausola. Così facendo, il sacrificio di Lo Celso (prestito al Betis) è stato vano: tanti saluti anche per Trapp (prestito all’Eintracht) e Bahebeck (ceduto all’Utrecht), ma niente addio invece per Jesé, il cui trasferimento al Nantes è saltato in extremis. Resterà da esubero al PSG per questioni ”esterne”: il Nantes (che ha ceduto Charles Traoré al Troyes) l’avrebbe preso a costo zero e a titolo definitivo accollandosi tutto lo stipendio, ma solo se Diego Carlos fosse approdato allo Zenit, che offriva 10mln necessari proprio per ”reggere” i 5mln netti dell’ingaggio (10 lordi). Il brasiliano ha rifiutato, facendo saltare tutto. Al palo nell’ultimo giorno OM e Monaco, che avevano già dato: i monegaschi chiudono in entrata con Chadli, l’OM con Radonjic (Stella Rossa) e i 12mln spesi. Per entrambi, un movimento in uscita: Jorge (Monaco) in prestito al Porto, Khaoui (OM) al Caen.

CALCIOMERCATO LIGUE 1: GLI ULTIMI MOVIMENTI DELLE PICCOLE, SORPRENDE L’AMIENS– Abbiamo citato l’acquisto del Caen, che ingaggia anche Beauvue in prestito dal Celta (e cede il giovane Stavitski all’Osijek), ma la grande protagonista nella giornata di ieri è stata l’Amiens. Il club, che lotta per salvarsi, piazza l’altro grande colpo di giornata, ingaggiando Ganso in prestito dal Siviglia: il brasiliano è in decadenza dopo il fallimento iberico e le prestazioni lontane dagli standard brasiliani, ed è chiamato a rilanciarsi in quella che è la sua ultima spiaggia. Se fallirà anche qui, ritorno in Brasile o emigrazione verso Cina/Emirati/paesi caldi atque ricchi, dove potrà fare calcio senza preoccuparsi della velocità del gioco. L’Amiens ingaggia anche il giovane Javorcic dalla Primavera (retrocessa) della Lazio, e si contende con il Rennes il titolo di grande colpo del giorno tra le altre della Ligue 1: i rouge et noir hanno fatto svolgere le visite mediche ad Hatem Ben Arfa, svincolato dal PSG e chiamato al rilancio dopo due anni con tanta rabbia e pochissimi minuti giocati. Sarà lui il grande rinforzo in vista dell’Europa League, vista anche la cessione di Toivonen al Melbourne Victory, si attende solo l’ufficialità. Il Rennes vende anche Diafra Sakho e Maouassa: prestito al Bursaspor per la punta, al Nimes per il giovane centrocampista.

Colpetto anche per il Lille: in attacco arriva l’ennesimo giocatore della galassia-Mendes, con Rui Fonte che firma in prestito dal Fulham e rimpiazza numericamente Benzia, prestato al Fenerbahçe: viene trattenuto il già citato Pépé. Doppio acquisto invece per l’Angers: per la porta arriva Boucher dall’Auxerre, classe ’92 che non ha iniziato benissimo la stagione con la nobile decaduta (sei gol subiti in due gare) e si giocherà il posto con Butelle, per l’attacco ecco Cristian Lopez dal Lens (10 gol nell’ultimo campionato). Quando sei ultimo con zero punti in tre match e ti rinforzi dalla Ligue 2, non dai un bel segnale. Non un buon segnale neppure dal Guingamp, che è appaiato all’Angers e non si rinforza nelle ultime ore: out Salibur, che va al Saint-Etienne e non viene sostituito, l’unico investimento viene fatto sull’U19 Niakaté, difensore che resterà però al Valenciennes fino a luglio 2019. Chiusura targata-Gent: i belgi vendono Foket, il cui trasferimento all’Atalanta saltò l’anno scorso per dei problemi cardiaci, al Reims per 3.5mln, e lo sostituiscono con Souquet (Nizza).

Chiudiamo col trasferimento più curioso: Landry Bonnefoi, cresciuto nella Juventus e poi rientrato in patria, ha rescisso con l’Amiens. Sarà il portiere titolare del Dudelange in Europa League, e affronterà il Milan.

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.