Il calciomercato si è aperto ufficialmente ieri ed in questi primi giorni dell’anno Dubai sembra esserne diventata la capitale. Oltre ad essere stata scelta come meta per le vacanze da molti calciatori, nella città degli Emirati Arabi Uniti si celebreranno i Globe Soccer Awards, manifestazione in cui la Juventus verrà rappresentata a livello societario dal direttore Fabio Paratici. Quest’ultimo, raggiunto dai microfoni di Sky Sport, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sui rumors che coinvolgono il centrocampista Aaron Ramsey:“E’ un ottimo giocatore, è in una grande squadra come l’Arsenal e ha giocato tanti anni ad alti livelli. Va in scadenza di contratto e noi siamo attenti a tutte le situazioni di mercato. E’ un nostro dovere, e quindi siamo attenti anche a lui. Per ora è un calciatore dell’Arsenal, ma di certo non siamo attenti solo noi al mercato. Questa credo sia una risposta esaustiva”.

Al punto di riferimento del mercato bianconero è stato chiesto quale fosse il primo pensiero calcistico del nuovo anno:“Più che un pensiero, è stato il primo desiderio. Speriamo che sia un anno pari, se non migliore, di quelli vissuti negli ultimi 6-7. Il primo pensiero è quello rivolto alla Champions, che comunque è diventato un nostro obiettivo. Ce lo siamo guadagnati in questi anni. Dopo le ultime 4-5 Champions giocate a questo livello, ci sentiamo pronti per essere competitivi e protagonisti fino in fondo, con maggiore consapevolezza rispetto agli ultimi anni”.

Paratici ha poi parlato di Kylian Mbappé, accostato più volte nei mesi scorsi alla Juventus:“Mi sembra un’ipotesi molto fantasiosa. La fantasia aiuta, è vero, ma a gennaio aiuta poco e a luglio su questi nomi anche. Alla fine sono profili altisonanti, di grandi club e noi siamo aperti alle possibilità. Siamo un grande club e quindi abbiamo il dovere di guardare al mercato, futuro e immediato, sempre con grande attenzione. Ma ipotesi come Mbappé sono davvero fantasiose”.

Il dirigente della Vecchia Signora, incalzato dal giornalista, ha inoltre chiuso ad una eventuale partenza di Moise Kean:“Non va al Bologna. Cercheremo di mantenere tutti i calciatori nella nostra rosa. Abbiamo una rosa molto competitiva, giochiamo su più fronti e avremo bisogno di tutti”.

Antonio Alicastro