Nandez

Nahitan Nandez è uno dei giocatori più in vista del panorama sudamericano: si era già messo in evidenza nelle fila del Peñarol, diventando capitano a 21 anni, e si è confermato con la maglia del Boca Juniors. L’uruguagio, tanta qualità e tanta quantità sul terreno di gioco, è stato uno dei migliori in assoluto nella campagna degli xeneizes in Copa Libertadores, distinguendosi anche nella finale persa contro il River Plate: Nandez, autore tra l’altro di un Mondiale fantastico con la Celeste, ha corso per tre ed ha chiuso letteralmente col fiatone, giocando in tre posizioni differenti (mezzala nel 4-3-3, mediano nel 4-2-3-1, esterno nel 4-4-1 finale) e non facendo mai mancare il suo apporto alla squadra.

Da anni ormai si parla di Nahitan Nandez in chiave europea, ma questa potrebbe essere la volta buona. Il Boca Juniors ha sempre respinto ogni assalto, ma la clausola da 25mln di dollari lega le mani al club, e l’entourage del giocatore spinge per la partenza. Anche perchè le offerte non mancano: l’Atletico Madrid ha fatto un sondaggio, mentre il Cagliari si è mosso con decisione. Inizialmente si era parlato di una proposta dei sardi pari a 20mln di dollari, poi le cifre sono state ridimensionate: il Cagliari di Massimo Giulini ha dato mandato all’agente di Nandez (Pablo Bentancur) di presentare una proposta di 10mln di dollari (8.5mln di euro circa) per il 50% del cartellino. Una proposta che, di per sè, mette già il Boca Juniors con le spalle al muro: gli xeneizes sono proprietari del 70% del cartellino, col restante 30% in mano a un fondo d’investimento che vorrebbe cedere Nahitan Nandez per monetizzare.

E, oltre alla pressione del fondo d’investimento, gli azul y oro devono fronteggiare anche quella dell’agente Pablo Bentancur, che ha lanciato bordate dai microfoni di ”No todo pasa para TyC”, trasmissione di TyC Sports (emittente argentina): “Il Cagliari mi pressa da due settimane perché vuole Nandez, l’offerta c’è e l’ho consegnata al Boca Juniors. Il club deve decidere cosa fare e in fretta: Nandez è molto legato al Boca, ma se resta deve diventare il più pagato del club”. Una richiesta difficile da accettare, visti i tanti big presenti in rosa, da Tevez a Benedetto: la pressione è forte sugli xeneizes e Nandez potrebbe sbarcare in Serie A. Ma la domanda sorge spontanea: il Cagliari farà tutto da solo, o acquisterà in sinergia con un altro club? Facciamo chiarezza.

CAGLIARI-NANDEZ, C’È DIETRO L’INTER?– Quando si era parlato di una proposta da 20mln di dollari per Nahitan Nandez, l’accostamento era venuto spontaneo, sostenuto anche da voci in tal senso: il Cagliari si sarebbe mosso in sinergia con l’Inter, che segue Nandez da tempo e non può muoversi per l’acquisto a titolo definitivo già a gennaio. Ora, con una proposta da 10mln di dollari, l’ipotesi si è ridimensionata (il Cagliari può investire di suo quella cifra), ma stando a quanto ci risulta è ancora vivissima: il Cagliari vuole Nandez per sè e investirà in prima persona per il giocatore che ha fatto impazzire Giulini, ma l’Inter (che può muoversi a gennaio solo in prestito con diritto di riscatto) vuole quantomeno strappare un’opzione e resta alla finestra. I rapporti tra i club sono ottimi, Giulini prima di diventare il patron isolano era stato per anni socio di minoranza nell’Inter di Moratti ed è tifoso nerazzurro: dunque, l’Inter potrebbe strappare una prelazione ”morale’‘ su Nandez, su cui pende il dubbio del passaporto (non è chiaro se sia ancora extracomunitario o abbia già il passaporto spagnolo). Oppure tornare in prima persona sul giocatore qualora l’affare dovesse saltare, e l’uruguagio restare in Argentina fino a giugno.

Insomma, quello di Nahitan Nandez al Cagliari potrebbe essere uno step prima del salto in nerazzurro e della prova in una big della Serie A. Il possibile sodalizio tra i club resta vivo, e potrebbe realizzarsi in due forme: intervento dell’Inter nell’affare con ”promessa” di cedere Nandez solo ai nerazzurri, oppure diritto di prelazione futura. E l’opzione-Nandez va ad inserirsi in un quadro più ampio: con un acquisto simile, il Cagliari potrebbe liberare Barella a giugno, un giocatore per cui l’Inter stravede e che sarà uno dei primi obiettivi estivi di Marotta/Ausilio, che vogliono fare un tentativo già a gennaio con un prestito oneroso (che difficilmente verrà accettato). Ovviamente, però, va tenuto in conto l’oste-Boca: gli xeneizes potrebbero rifiutarsi di cedere il 50% del giocatore (le comproprietà, nonostante le indicazioni negative della FIFA, sono consentite in Argentina/Sudamerica), perchè poi succederebbe un autentico caos se un altro club decidesse di investire sulla seconda metà del cartellino. E va tenuto in conto anche l’Atletico Madrid: Simeone ha dato mandato al club di fare un’offerta per un giocatore che sarebbe perfetto nel suo 4-4-2. E se dovessero muoversi i colchoneros, tutto si complicherebbe per il Cagliari (e per l’Inter).

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.