Enrico Brignola è uno degli attaccanti che scaldano il mercato della Serie A, soprattutto nelle fasce medio-basse. Il 18enne di Caserta potrebbe non restare al Benevento, retrocesso in B, e ora cerca una squadra per il salto di qualità.

Sono tanti i club sulle sue tracce, primo fra tutti il Sassuolo. Da sempre orientato a valorizzare i giovani, ha recentemente affidato la panchina a Roberto De Zerbi, che lo ha allenato per quasi tutta la stagione in giallorosso, in cui ha realizzato 3 gol in 18 presenze. Abbastanza per attirare l’attenzione, ma l’offerta neroverde sarebbe ancora troppo bassa.

Il Parma appena tornato in Serie A sarebbe, tra tutte, l’unica squadra in grado di garantirgli un posto da titolare. Anche qui domanda e offerta ancora non si incontrano, anche a causa dell’inserimento della Fiorentina, che cerca un attaccante giovane e affidabile soprattutto in caso di partenza di Enrico Chiesa. Anche l’Atalanta avrebbe sondato l’ambiente.

I top club del nostro campionato invece lo acquisterebbero soltanto per poi girarlo in prestito. Al Napoli ritroverebbe Amato Ciciretti, altro prodotto del vivaio del Benevento, e potrebbe fare esperienza in un club inferiore almeno per una o due stagioni, magari proprio alla Fiorentina.

Chi è abituato a fare colpi di mercato con i giovani è l‘Inter, che ha un blasone a cui Brignola difficilmente potrebbe dire di no (ne avevamo parlato qui). Il ds Piero Ausilio replicherebbe quello che ha già fatto con Gianluca Caprari, acquistato e girato in prestito al Pescara, dove diventò una delle migliori ali della Serie A, salvo poi essere acquistato dalla Sampdoria.

Il salto di Brignola in Serie A non è però scontato. La dirigenza vorrebbe tenerlo, ma sa anche che per un club come il Benevento cedere un giocatore a più di 10 milioni di euro sarebbe oro per le casse societarie, soprattutto se si scatenasse un’asta per l’attaccante. L’ultima parola sarà del ragazzo, che si è preso del tempo per riflettere e capire meglio quali squadre siano disposte a fare un’offerta ufficiale e quale ruolo possono offrigli per le prossime stagioni.

Stefano Francescato