Poteva sembrare un partita di Coppa Italia come tutte le altre dall’esito scontato, ma così non è stato…

Il Milan ha faticato più del previsto a sbarazzarsi del Crotone e a superare il turno di Coppa, dovendo passare pure attraverso il “calvario” dei tempi supplementari.

Mihajlovic ha schierato in campo una formazione inedita, imbottita di riserve (forse ha sottovalutato l’impegno?) e si è ritrovato in una situazione, che poteva diventare molto pericolosa. Il Crotone, dal canto suo, non si è presentato a San Siro solo per fare un “selfie” della serata, ma è sceso in campo più agguerrito che mai, forte dei più di 5mila tifosi rossoblu presenti sugli spalti.

Passando alla partita il “Milan B” ha faticato molto nel primo tempo ha mettere in difficoltà l’arcigna difesa degli ospiti, che hanno dimostrato di essere secondi nel campionato cadetto non per caso.

In apertura di ripresa un filtrante di Poli ha tagliato in due la difesa del Crotone, con Luiz Adriano che ha superato il portiere e ha messo la palla in rete. La partita sembrava ormai in discesa per il Milan, ma ci ha pensato Budimir a far scendere il gelo su San Siro: l’attaccante rossoblù ha beffato Zapata con un tunnel e poi ha trafitto Abbiati per l’1-1. I rossoneri si sono impauriti e così Mihajlovic è stato costretto a correre ai ripari e a inserire Bonaventura e Niang.

Il Milan però non ha trovato il vantaggio prima dello scadere dei tempi regolamentari e così la partita si è protratta ai supplementari. Ci ha pensato poi Bonaventura con una punizioni telecomandata a riportare avanti i suoi e togliere la paura a tutti i tifosi. Sul finire di match si è iscritto al tabellino anche Niang, bravo a finalizzare un assist di Montolivo.

La Curva Sud del Milan ha lasciato lo stadio allo scadere dei 90 minuti regolari per contestare le scelte di formazioni di Mihajlovic che, a momenti, costavano il mancato passaggio del turno.

Nel turno successivo il Milan affronterà, a Marassi, la Sampdoria. Tutti i tifosi rossoneri sperano che Mihajlovic abbia imparato la lezione e che con i blucerchiati non schieri nuovamente un Milan B…

Luiz Adriano - Poli