L’inverno scorso ha fatto molto scalpore il trasferimento multimilionario di Carlitos Tevez allo Shanghai Shenua, che lo ha ricoperto d’oro.

Il club cinese ha strappato l’apache dal suo club storico e del quale è innamorato, il Boca, scatenando molte reazioni contrastanti. Gran parte del mondo Boca, tra cui Roman Riquelme, ha criticato la scelta di Tevez che, per 6 mesi, ha preferito i soldi all’affetto della sua gente.

Tevez sembra però essere preso da nostalgia del suo paese e sta cercando di liberarsi dal club cinese per fare il suo nuovo ritorno in patri. Nel contratto dell’ex Juve c’è una clausola che prevede la possibilità di liberarsi a 0 a partire da dicembre 2017, per poi ritornare agli xeneizes. I tempi del ritorno in patria potrebbero però essere anticipati.

Sembra proprio che, questa volta, non siano bastati fior fior di quattrini per convincere Tevez a rinunciare al fascino del campionato argentino, al tifo caloroso e all’amore della sua gente in cambio di un buon bonifico e un calcio mediocre.

Siamo già alla fine dell’exploit del calcio cinese?

Gabriele Amerio (@gabrieleamerio)

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI