Alla fine ha vinto Medhi Benatia. Dopo tanti proclami, mal di pancia, rinvii e tentativi di risanare una ferita ormai aperta da troppo tempo, il marocchino ha accettato e voluto fortemente il trasferimento in questa stessa sessione di calciomercato all’Al Duhail, società iscritta alla serie maggiore del Qatar.

Un’operazione inaspettata per la dirigenza bianconera, rimasta un pò inerme di fronte all’imperativo del difensore e che è dovuta correre ai ripari mettendo sotto contratto Martin Caceres, che più volte aveva già vestito la casacca della Juventus e che era in procinto di spiccare il volo verso il Giappone. Sono circa 600 mila gli euro pagati alla Lazio come indennizzo per l’uruguayano, il quale si è legato alla Juventus sino al prossimo giugno, senza così andare a compromettere quelle che saranno i progetti di mercato estivo di Paratici e soci.

Per Benatia molta più sostanza: all’ormai ex juventino è stato proposto un triennale da circa 4,5 milioni direttamente da Rashid Uddin, intermediario spedito in Italia a trattare e che tornerà in Qatar con la firma del difensore sul contratto. Di conseguenza, da questa cessione il club di Andrea Agnelli percepirà una cifra che si aggira sui 10 milioni di euro ed andrà a liberarsi di uno stipendio importante, come quello che Benatia percepiva dai bianconeri.

Si conclude così a tutti gli effetti l’avventura del marocchino a Torino, il quale forse ha sofferto un pò troppo il ritorno di Bonucci che l’ha costretto ad accomodarsi in panchina più del previsto. Per lui erano arrivati sondaggi importanti da varie società europee, tra cui il Marsiglia, l’Arsenal, lo Schalke04 e, seppur in maniera timida, il Milan, ma senza mai affondare il colpo decisivo.

Una scelta di vita quella di Benatia, che va a lasciare uno dei maggiori campionati europei per andare a dare il suo contributo in quello qatariota, ma con qualche soldino in più nelle tasche.

a cura di E.Menegatti (@44gattdernesto)