Il Barcellona ha riconosciuto la commissione a tale André Cury, agente coinvolto nel passaggio di ‘O Ney’ al PSG

Da un anno, ormai, Neymar ha lasciato il Barcellona per recarsi in Francia. La cifra per la quale l’operazione si è chiusa (222 milioni) è ancora un record e al momento sembra che nessuno abbia voglia di batterlo.

Sta di fatto che, a una stagione di distanza dall’affare, il Barça si è visto costretto a sborsare una cifra di 6,6 milioni. Questa somma è andata dritta dritta nelle tasche di André Cury. L’uomo collabora da tempo con il club blaugrana e, in questo caso, era coinvolto nell’operazione che ha visto il passaggio di ‘O Ney‘ in Catalunya. Per questo, al momento della cessione del brasiliano, Cury ha fatto valere quelli che erano gli accordi con l’allora presidente Rosell.

Era previsto, infatti, che gli fosse riconosciuto il 3% della cifra totale ricavata dalla vendita del giocatore. Percentuale apparentemente irrisoria, ma che (visti i numeri record dell’affare) si è trasformata in un gruzzoletto di tutto rispetto.

Dal canto suo, il Barcellona ha provato a svincolarsi dall’obbligo del pagamento, visto che Neymar è andato via per sua volontà. Il club, però, si è visto comunque costretto a sborsare la somma, data la validità degli accordi firmati dall’ex presidente.

A cura di Samuel Giuliani