Piero Ausilio

Piero Ausilio parla dopo la qualificazione in Champions League

L’Inter ha compiuto l’impresa: battere la Lazio e tornare in Champions League. Non era facile, molti non ci credevano, ma i ragazzi di Spalletti non hanno mai mollato un centimetro.

Il giorno dopo è sempre quello più bello e lo è anche per il direttore sportivo nerazzurro, Piero Ausilio. Queste le sue parole rilasciate a Radio Rai.

IL FUTURO DI ICARDI – “Non c’è nessun tassello da mettere a posto, ha un contratto importante di tre anni. E’ un tempo lungo anche per accontentarsi e restare così come si è, invece… Due mesi fa abbiamo detto che ci saremmo seduti con lui per parlare del futuro. la volontà è migliorare il contratto di questo ragazzo per dargli la giusta gratificazione per quello che ha dato assieme ai compagni”.

IN CAMPO 8 GIOCATORI DELL’EST SU 22 – “E’ una giusta osservazione, anche se è un po’ un caso. Il mercato dell’est ha sempre regalato grandi talenti, poi devono essere integrati. Tre o quattro vanno bene, se sono di più qualche problemino può arrivare; io parlerei sempre di qualità, che quest’anno si è intravista, e noi vorremmo migliorare l’Inter. Ci sono italiani, c’è un gruppo storico che ha sofferto e dè riuscito ad avere qualche soddisfazione: penso a Eder, Ranocchia e D’Ambrosio che sentono questa maglia addosso in maniera particolare. Poi ben vengano giocatori di talento da altri Paesi, l’importante portino qualcosa alla nostra causa.”

RISCATTI DI CANCELO E RAFINHA – Sul contributo che ci hanno dato siamo contenti, come siamo contenti di averli presi nonostante le critiche. In pochi conoscevano Cancelo, alcuni non in credevano in Rafinha per il periodo di inattività; noi faremo valutazioni economiche, non tecniche, dobbiamo vedere altre cose. La Champions dà una mano, ma non risolve i problemi di questo bilancio al 30 di giugno. La Uefa ci chiede di fare plusvalenze, non di acquistare nuovi giocatori: ora faremo della valutazioni, cercheremo di raggiunge gli obiettivi finanziari sperando di riuscire a trattenere questi ragazzi. Non è facile, voglio essere sincero, ci sono dei riscatti importanti, ci sono delle società che non hanno nessuna voglia di discutere di nulla. Quindi dobbiamo trovare delle soluzioni, ma sono sempre fiducioso, abbiamo un po’ di tempo”.

QUANTE VALE ECONOMICAMENTE LA CHAMPIONS? – “La differenza con l’Europa League mi dicono essere di 40 milioni per i gironi, poi i numeri cambiano se vai avanti come successo alla Roma”. 

LA PARTITA DI DE VRIJ E IL MERCATO

DE VRIJ LO AVREBBE FATTO GIOCARE? – “Io sì, anche perché la storia è piena di questi casi. Io ho precisato solo che il contratto famoso di cui si è parlato è stato depositato a marzo. In due mesi questo ragazzo ha dato tanto alla causa della Lazio, dobbiamo uscire da queste dinamiche: è giusto che questi giocatori giochino perché sono professionisti. In Germania e Inghilterra non avrebbero parlato di caso.”

CALO DI HANDANOVIC – “Io non ho visto questo calo, sinceramente ho visto una stagione importantissima di Handanovic. Secondo me, Handanovic è uno dei portieri migliori d’Europa, un campione che ci teniamo stretti.”

SPALLETTI VUOLE FLORENZI O BRUNO PERES? – Rispondo sul mercato smentendo l’interesse di Spalletti per questi due giocatori. In realtà qualcosa abbiamo già fatto a livello di mercato: siamo partiti prima rispetto agli altri rinforzando l’Inter con questi tre giocatori, al di là delle ufficialità tutti sanno di chi sto parlando  In riferimento allo scudetto, dico questo: il fatto degli scontri diretti è un grande punto di forza, al di là di quella partita con la Juve sulla quale non voglio tornare, l’Inter con le prime 7-8 l’Inter non ha mai perso, anzi. Abbiamo vinto scontri diretti con Lazio, Milan e Roma, ma è anche vero che abbiamo perso partite con le piccole, dobbiamo cambiare la mentalità in quelle partite. Di crolli non ne ho visti, abbiamo avuto momenti di difficoltà; abbiamo perso 6 volte, ma mai meritandolo sul campo”.

FUTURO DI BROZOVIC E PERISIC – “Dopo ieri sera dico che rimangono tutti, poi c’è la razionalità, Noi vogliamo tenere dentro i giocatori forti, quelli che si sono dimostrati importanti, e poi aggiungerne altri per migliorare. Quindi Brozovic e Perisic sono due dai quali vogliamo ripartire”.