Con il campionato già in tasca da più di una settimana e nessun altro obiettivo stagionale da rincorrere da qui fino al fine della stagione, la Juventus è già al lavoro per programmare l’annata 2019/2020.

Se per quanto riguarda il fronte allenatore al momento pare che la società sia orientata verso la conferma di Allegri (con i nomi di Guardiola, Conte e Deschamps che comunque continuano a gravitare attorno all’orbita Juve), sul mercato sono invece tanti i nomi sul taccuino di Fabio Paratici. Uno di questi è senza dubbio il centrocampista classe ’96 Tanguy Ndombele, di proprietà del Lione.

Proprio il numero uno della società transalpina, Jean-Michel Aulas, intervistato dal quotidiano torinese Tuttosportha parlato del gioiellino che in molti accostano all’ex bianconero e connazionale Paul Pogba: “Pogba è stato protagonista di un gran Mondiale con la Francia ma, come è normale che sia, ha pagato un po’ la Coppa del mondo in questa stagione. Ndombele è stato più decisivo quest’anno e per me è più completo.

Aulas ha ammesso che sono diversi i top club europei che hanno bussato alla porta del Lione per il giocatore: “Ci sono la Juventus, il Psg, il Manchester United e il City. Sinceramente mi piacerebbe vedere Ndombele alla Juventus con Pjanic, che abbiamo lanciato noi e al quale sono ancora legatissimo. Di prezzi non parlo. Nella vendita di un giocatore la priorità sono i parametri economici. Ma a parità di offerte, mi piacerebbe darlo ad Agnelli“.

Il presidente francese ha voluto complimentarsi proprio con Agnelli per la straordinaria crescita della società bianconera negli ultimi anni: “Ha raggiunto un risultato straordinario,  è stato il presidente più grande di tutti e può continuare a vincere. Sono felice per lui, si sta dimostrando eccezionale sotto tutti i punti di vista e sta svolgendo un lavoro enorme anche nell’ECA. I risultati della Juve sono straordinari e se sono uno dei club più strutturati d’Europa i meriti sono del presidente e dei suoi dirigenti. Possono arrivare a vincere anche 10 scudetti di fila.”

Infine, per Aulas non ci sono dubbi su chi siederà sulla panchina della Juventus nella prossima stagione: “Io penso che resterà Allegri. Mi sorprenderebbe molto vedere sulla panchina della Juve Guardiola o Deschamps.

a cura di Marco Mincione (Twitter: @Mincix91)