Nuove rivelazioni sulla morte di Davide Astori. Il capitano della Fiorentina sarebbe deceduto, forse, a causa della sindrome di Brugada, una malattia che causa la fibrillazione ventricolare. La bradiaritmia, cioè il rallentamento del cuore, che in casi come quello di Davide può portare alla morte, è indotta, nei soggetti che soffrono di questa sindrome, dall’accumulo di alcune cellule elettricamente anomale che si raggruppano intorno al tessuto epicardico sano, formando uno strato a cipolla.

Questo strato non rende funzionali i processi elettrici del cuore che, piano piano, si arresta. Lo studio dell’IRCCS del Policlinico San Donato di Milano, pubblicato sulla rivista Journal of the American College of Cardiology, ha dimostrato che questa malattia è presente sin dall’infanzia sulla superficie epicardica del ventricolo destro, ma non dà alcun segno di manifestazione. Anzi, l’unico segno, potrebbe essere la morte stessa. Nemmeno l’elettrocardiogramma riesce ad individuare anomalie.

Tuttavia, è in atto una ricerca approfondita in materia e anche un rimedio. L ‘IRCCS ha sviluppato un software in grado di riconoscere in modo automatico la distribuzione delle aree anomale ed a ripulire la superficie del ventricolo destro grazie a delle sonde in grado di emettere impulsi di radiofrequenza, rendendo il cuore elettricamente normale.

Abbiamo evidenziato la possibilità di eliminare quelle isole di tessuto elettricamente anomale utilizzando delle onde di radiofrequenza di breve durata, con lo scopo di riportare quelle cellule a un corretto funzionamento elettrico. Fino ad ora, 350 pazienti sono stati sottoposti a tale procedura, mostrando la completa normalizzazione dell’elettrocardiogramma. Inoltre, nessuno di loro ha presentato alcun sintomo o aritmie ventricolari” ha spiegato il professor Pappone dell’IRCCS.

a cura di Matteo Tombolini (@MatteoTomb)

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI