Spesso si dice che la fede aiuti a superare momenti difficili, anche in ambito sportivo. C’è chi ripone le proprie speranze sulle parole delle Sacre Scritture, chi su quelle del Corano e chi su quelle di Buddha. Qualcuno però va anche oltre, fino ad arrivare ad entrare in contatto con un medium, una persona che sostiene di poter operare come intermediario tra vita e morte con supposte entità soprannaturali. È il caso di Franco Armani, portiere del momento in Argentina viste le sue prestazioni che stanno trascinando il River Plate in Copa Libertadores e, come riportato due giorni fa, corteggiato anche dalla nazionale colombiana in vista del mondiale russo.

Stando a quanto rilasciato dal portiere de Los Millonarios al quotidiano argentino Olé, il momento che ha cambiato la sua carriera è stato un incontro a Medellin con una medium, capace di metterlo in contatto con la nonna scomparsa. “Ero arrivato a Medellin da soli quattro mesi ed un mio amico mi mise in contatto con una medium. Grazie a lei sono riuscito a mettermi in contatto con mia nonna, che era morta, e lei mi disse che la mia carriera da portiere sarebbe arrivata all’apice all’età di 30 anni. Bene, eccoci qua..io inizialmente non credevo a queste cose però quest’incontro ha cambiato la mia visione.”

Adesso Franco Armani può tornare a fare miracoli per trascinare il River nella Libertadores, sempre con uno sguardo verso il cielo.

A cura di Gabriele Burini (@burini32)