Quello di ieri, sabato 22 settembre 2018, è giorno che Marko Pjaca ricorderà per il resto della sua vita.

Sono circa le 18.15, il luogo è l’Artemio Franchi ed è iniziato da poco il match Fiorentina – Spal.  L’azione si sta sviluppando sulla corsia di sinistra. Biragi effettua un traversone in area, il  cross viene ribattuto, malamente, da un difensore della Spal, il pallone rimane in area e su di esso si avventa proprio Pjaca che, con un tiro in diagonale, regala alla Fiorentina l1-0 e a se stesso il primo gol in serie A.

Questo gol arriva dopo un anno e mezzo non facile per il giovane talento croato. 

Pjaca è arrivato in Italia 2 estati fa, dopo un acceso triangolo di mercato tra Milan Inter e Juve. Alla fine l’ex Dimano Zagabria scelse di accettare la corte della squadra di Andrea Agnelli.

La prima stagione in bianconero era iniziata con il solito apprendistato che Allegri riserva a quasi tutti i giocatori. Dopo la prima parte di stagione, il croato stava trovando sempre più spazio anche grazie al cambio di modulo che il mister aveva varato proprio dopo una sconfitta a Firenze.

Il momento più alto della prima stagione  è stato sicuramente il gol in Champion’s contro il Porto negli ottavi di finale. Gol che permise alla squadra di Allegri di sbloccare il risultato e di raddoppiare dopo con Dani Alves.

Quel gol sembrava preludere ad un finale di stagione in cui Pjaca si sarebbe potuto ritagliare grande spazio. Purtroppo un infortunio ha bloccato questo processo di crescita, infortunio che gli ha impedito di giocare con continuità fino a quest anno.

Questa estate, la Fiorentina ha insistito per tutto il mercato per potersi assicurare le prestazioni sportive del giocatore.

Stefano Pioli, tecnico della Fiorentina, ha puntato molto su Pjaca, l’ha aspettato fino a che il croato non è stato pronto fisicamente, ed adesso, grazie a lui e al giovane tridente viola, punta ad una qualificazione europea che sarebbe il sigillo sull’interessante progetto viola partito la scorsa stagione.

Lo stesso Marko Pjaca, si è detto  entusiasta di aver trovato una squadra ed un allenatore che credono ciecamente nelle sue capacità.

La Juventus comunque, non ha accettato di perdere il controllo sul giocatore, ottenendo dalla Fiorentina un diritto di riacquisto. Ma, per ora, nella testa di Pjaca, c’è solo la voglia di ripagare, a suon di gol e prestazioni, i tifosi, la società e i compagni di tutto l’affetto e la carica che quotidianamente gli stanno fornendo. La Juventus può sicuramente aspettare.