La lotta salvezza sembrava scontata fino a qualche partita fa, ma a parlare sono stati altri fatti: la rimonta clamorosa del Crotone e i ritmi blandi di Genoa ed Empoli, le quali, però, con l’arrivo in picchiata dei calabresi hanno accellerato e provato più volte a staccare l’inseguitrice, con parziale successo, ha cambiato volto al campionato. Solo il Genoa, infatti, col ritorno in panchina di Juric, ha ingranato la marcia giusta ed è riuscita ad agguantare la permanenza in A solamente nel penultimo turno, vincendo 2-1 contro il Torino. L’Empoli, invece, è stata sconfitta di misura contro l’Atalanta, grazie al gol del Papu.

La classifica, nella zona bassa, può rivelare ancora delle sorprese. E, mentre al vertice si festeggia il sesto scudetto della Juventus e Roma e Napoli si giocano l’accesso diretto alla Champions League del prossimo anno, Crotone ed Empoli lotteranno per rimanere nella massima serie.  Analizziamo la classifica:

  • Empoli:      32
  • Crotone:    31
  • Palermo:   23
  • Pescara:    17

Nel prossimo incontro si affronteranno Crotone-Lazio e Palermo-Empoli. Piccola premessa: Palermo e Pescara sono già retrocesse in B.

Per le squadre che retrocedono, è previsto un ammortizzatore. Che cos’è? E’ un paracadute economico che serve, appunto, ad ammortizzare la discesa, non certamente positiva, verso la lega inferiore. In Italia, questo paracadute è di 60 mln, tolti dalla torta degli introiti dei diritti TV, e serve ad ammorbidire l’impatto per chi retrocede. Come vengono suddivisi?

  • 25 mln per i club con almeno 3 anni di Serie A, o che sono state in A nelle 3 delle ultime 4 stagioni;
  • 15 mln per i club con almeno 2 anni di Serie A o che sono state in A nelle 2 delle ultime 3 stagioni;
  • 10 mln per i club che sono da 1 anno in serie A.

Insomma, questo “premio” viene dato in base all’anzianità. Il Palermo, dunque, andrebbe a percepire i 25 mln, mentre il Pescara 10 mln. E questo è certo. La partita  aperta è sull’altro fronte, quello dei Empoli e Crotone. Andiamo a vedere perché:

In caso di retrocessione dell’Empoli, alla squadra toscana spetterebbero ben 25 mln, massimo premio anzianità e, ricapitolando: 25 mln al Palermo + 10 mln al Pescara + 25 mln all’Empoli = 60 mln. Tuttavia, osserviamo anche l’altra ipotesi. Ecco la situazione in caso di retrocessione del Crotone e slavezza dell’Empoli: 25 mln al Palermo + 10 mln al Pescara + 10 mln al Crotone = 45 mln.

C’è un avanzo considerevole di ben 15 mln. A chi vanno? C’è un ulteriore ripartizione del paracadute. Ovvero, quei 15 mln servono alla squadra che non viene subito ripromossa. Dunque, in questo caso, se il Palermo nella prossima stagione non dovesse ritornare in A, guadagnerebbe 15 mln ulteriori; 25 mln dei 60 mln del paracadute per le squadre che retrocedono + eventuali 15 mln per non essere riuscita a risalire subito in A.

La prossima partita è Palermo-Empoli. A chi può giovare la retrocessione del Crotone e, dunque, la sconfitta del Palermo? Proprio il Palermo stesso, che potrebbe guadagnare, nel giro di 2 anni, ben 40 mln. Il rischio di una combina è alto e, soprattutto, quello di illeciti nelle scommesse. L’unica cosa che possiamo sperare, è in un controllo vigile della FIGC e, magari, una revisione del regolamento. Perché, in una partita così importante, anteporre i soldi al gioco e al proprio tifo non è certamente etico.