L’Atletico Madrid chiede Diego Costa, ma da gennaio

“In bocca al lupo, ma non rientri nei miei piani”. Il messaggio con cui Antonio Conte metteva cordialmente alla porta Diego Costa è ormai risaputo. L’attaccante ormai è alla ricerca di un’altra avventura dopo l’addio con il Chelsea, e il ritorno all’Atletico Madrid diventa sempre più probabile. Ma ci sono delle complicazioni.

Il club di Simeone offre 30 milioni, dieci in meno di quanti ne aveva incassati nell’estate 2014 dalla sua cessione. Offerta comprensibile, visto che ora è lui a voler partire a tutti i costi. Il Chelsea dovrebbe però mantenere in rosa il giocatore fino a gennaio, a costo di non farlo giocare ma garantendo il suo ingaggio, e non inserirlo nella lista Uefa ad agosto, in modo che sia disponibile per fare la Champions a Madrid. Condizioni difficili, ma al momento l’offerta del colchoneros è la più gustosa e i blues non vorranno sicuramente trovarsi con un ingombrante problema in casa. Anche sopportare fino a gennaio potrebbe però diventare un problema.

Nel caso in cui non dovesse trovarsi l’accordo sui modi di gestione dell’attaccante spagnolo, potrebbe concretizzarsi la via del prestito. Il Milan ci ha lavorato ma ha gettato la spugna molto presto, il Psg non lo prenderebbe soltanto per sei mesi e Diego ha già fatto sapere che di Cina non vuole nemmeno sentir parlare. E dopo l’amichevole vinta dalla Spagna contro la Macedonia si era tolto qualche sassolino: <<Ho ancora due anni di contratto>>, aveva detto, <<sarà il club ha decidere il mio futuro, lo rispetto, ma se vogliono vendermi devono decidersi. Se c’è una competizione leale rimango, altrimenti è giusto andare via anche in prestito, l’importante è giocare. L’Atletico mi piacerebbe, è un’opzione. La Cina? No, devo pensare al Mondiale>>. Bordata finale a Conte: <<A lui bisognerebbe chiedere il perché di questa situazione, non a me. La sua opinione è quella di prendere un altro, ma c’è modo e modo di fare e dire le cose. Grazie a Dio, le squadre dove andare non mi mancano>>.

Diego Costa, 28 anni, veste la maglia del Chelsea dall’estate 2014, quando fu acquistato per 38 milioni. Cresciuto nel Braga, in Portogallo, è passato all’Atletico Madrid nel 2007, appena diciottenne, per 1,5 milioni. Anni di prestiti (Celta Vigo, Albacete, Valladolid, Rayo Vallecano) fino all’esplosione con la maglia dei Colchoneros. Dopo due partite con la Nazionale brasiliana, nel 2014 ha scelto la cittadinanza spagnola. Ha vinto 1 Liga, 1 Coppa di Spagna (Atletico), 2 Premier e 1 FA Cup (Chelsea). Il suo valore è stimato in 50 milioni.

Stefano Francescato

 

Commenti